Canosa di Puglia, pregiudicato ucciso in piazza a colpi di pistola

Agguato in piazza a Canosa di Puglia: ucciso a colpi di pistola un uomo di 39 anni con precedenti per droga.

Paura questa mattina a Canosa di Puglia, in provincia di Barletta. Un uomo di 39 anni infatti è stato ucciso a colpi di pistola in pieno giorno nella piazza principale del comune pugliese. I proiettili hanno colpito in pieno petto la vittima, che aveva precedenti per droga. I soccorritori hanno cercato di salvare l’uomo, ma le ferite erano troppo gravi e il 39enne è deceduto poco dopo l’arrivo all’ospedale di Andria. I Carabinieri ora stanno indagando su quello che sembra un regolamento di conti in piena regola. Nel frattempo gli investigatori, coordinati dalla Procura di Trani, stanno interrogando i molti testimoni oculari presenti nella piazza. L’obiettivo è quello di cercare di risalire all’identità dell’assassino.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus Turchia, chi non indossa la mascherina deve leggere dieci libri

Canosa, due giorni fa una bomba al Commissariato di Polizia

canosa pregiudicato attentato
Una delle auto coinvolte nell’esplosione di Canosa (Facebook)

L’agguato avvenuto questa mattina in pieno centro a Canosa di Puglia non è l’unico fatto di cronaca a portare il comune sulle prime pagine delle cronache di questa settimana. Due giorni fa infatti alcuni ignoti hanno piazzato una bomba nel parcheggio del commissariato di Polizia. L’ordigno è detonato alle 2.45 di notte, danneggiando un’auto delle forze dell’ordine ed una di proprietà di un poliziotto. Fortunatamente però non ci sono feriti. Ora la Questura di Bari sta indagando sull’accaduto, mentre continuano ad arrivare decise condanne all’attentato dinamitardo. Oltre ai sindacati di categoria infatti anche numerosi esponenti politici hanno espresso la loro vicinanza agli agenti. La notizia dell’agguato avvenuto questa mattina rende ancora più pesante la situazione nel comune pugliese.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Maurizio Gasparri, selfie in studio con la foto di Willy alle spalle: è polemica