Calciomercato Atalanta: “Lascio la Dea per colpa di Gasperini”

Scossa di terremoto in casa Atalanta e calciomercato totalmente travolto: un calciatore della rosa annuncia l’addio causato dal tecnico Gasperini.

La macchina perfetta chiamata Atalanta inizia ad accusare i primi malfunzionamenti dopo circa 3 stagioni vissute sempre al massimo. Uno dei calciatori più importanti della rosa, infatti, ha deciso di lasciare la squadra per tentare una nuova avventura lontano da Bergamo. Stiamo parlando di Timothy Castagne, esterno difensivo belga passato in questa sessione di calciomercato dall’Atalanta al Leicester per una somma superiore ai 20 milioni di euro. A far preoccupare i tifosi non è però l’addio in sé, quanto più le motivazioni addotte: i problemi nello spogliatoio con mister Gasperini hanno spinto il belga a preparare le valigie e chiudere anticipatamente la sua avventura in Serie A.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>>Aurelio De Laurentiis nei guai: denunciato dal Codacons

Calciomercato Atalanta, Castagne dice addio: “Io via? Problemi con Gasperini”

Calciomercato Atalanta
Timothy Castagne, ex calciatore dell’Atalanta / Getty Images

In un’intervista rilasciata in queste ore alla Gazzetta dello Sport, l’esterno difensivo belga ha voluto chiarire le motivazioni del suo addio, rilasciando dei commenti abbastanza crudi sul rapporto con il tecnico Gasperini: “E’ vero, avrei potuto anche rinnovare il contratto, ma dopo la partita col PSG ho capito fosse arrivato il momento di andar via. Ero stato provato titolare per tutta la settimana – spiega l’attuale calciatore delle Foxes – poi improvvisamente, e senza spiegazioni, non ho giocato. Io sento di aver bisogno di continuità: all’Atalanta giocavo una settimana a destra, una a sinistra ed un’altra in panchina. Non va bene. Gasperini? A livello umano non un bel rapporto, sebbene tecnicamente e tatticamente sia davvero un grande allenatore. Nessun problema in particolare, ma non mi piacciono i suoi modi di fare. Un esempio? In caso di esclusione, secondo me, sarebbe giusto ricevere una spiegazione ma lui niente. Diciamo comunque che va bene così: sono cresciuto”.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>>Inter, mistero numeri: Hakimi prende il 55, ma il post viene eliminato