Ferrero premia i dipendenti nonostante il Covid: bonus da migliaia di euro

Ferrero, la società produttrice di prodotti celebri nel mondo come la Nutella, premierà i propri dipendenti con un bonus sullo stipendio di ottobre.

ferrero bonus nutella
Bonus produttività per i dipendenti Ferrero (Getty Images)

La crisi economica causata dalla pandemia di coronavirus ha messo in grande difficoltà moltissime società, anche di grandi dimensioni. Nonostante tutto i dirigenti di Ferrero hanno deciso di erogare ai propri dipendenti un premio di produttività sullo stipendio di ottobre. Si tratta di un bonus davvero importante: ogni dipendente infatti riceverà un massimo di 2.200 euro lordi sulla busta paga del prossimo mese. L’importo del premio si basa su due parametri. Il primo, uguale per tutti e che determina il 30% della cifra, è l’andamento economico generale dell’azienda. Il secondo invece, che determina il 70% rimanente, è l’andamento dello stabilimento specifico dove lavora il dipendente. La decisione sul bonus è arrivata dopo una videoconferenza tra i dirigenti dell’azienda e i rappresentanti sindacali.

LEGGI ANCHE >>> Bonus matrimonio, fino a 4.000 euro di sconto: le regioni che aderiscono

Bonus produttività Ferrero, la reazione dei sindacati

ferrero bonus
Bonus produttività per i dipendenti Ferrero (Getty Images)

La notizia del bonus produttività di Ferrero per i propri dipendenti è arrivata con una nota stampa congiunta dell’azienda e dei sindacati. Nella nota i sindacati esprimono grande soddisfazione per la mediazione raggiunta con i dirigenti, che tutela un diritto dei lavoratori anche in un anno complesso come questo. I sindacati hanno anche elogiato le azioni dell’azienda per tutelare la salute dei propri dipendenti dai primissimi giorni dell’epidemia di coronavirus. Queste scelte hanno permesso di mantenere la produzione durante i duri mesi del lockdown. I rappresentanti sindacali hanno poi attaccato Confindustria e alcuni rappresentanti politici, che non vengono nominati nel testo, per alcune azioni che danneggiano i diritti dei lavoratori. Tra queste c’è anche il freno al rinnovo dei contratti collettivi nazionali. Per questo motivo i sindacati in chiusura hanno sottolineato l’importanza della mediazione sindacale per tutelare i lavoratori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bonus PC e Tablet, a fine mese i primi voucher: chi può usufruirne