Sanremo 2021, dietro front di Franceschini sul pubblico: “Ariston? Come altri teatri”

Dario Franceschini, ministro dei Beni Culturali, chiude definitivamente la polemica sulla presenza del pubblico a Sanremo 2021. 

Amadeus Sanremo 2020
Amadeus, conduttore di Sanremo 2020, sarà al timone anche dell’edizione di quest’anno (fonte: Getty Images)

Il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini ha scelto Twitter per chiudere definitivamente la polemica sulla presenza o meno del pubblico a Sanremo. Sotto il suo post si è subito acceso il dibattito e molti non si trovano d’accordo con le sue affermazioni. Si attende invece una risposta da parte del direttore artistico Amadeus.

L’Ariston è come gli altri teatri, il pubblico non ci sarà” ha scritto il ministro, citando anche il titolare della Salute Roberto Speranza. Torna allora tutto di nuovo in bilico o Sanremo si farà lo stesso anche senza il pubblico in sala?

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Sanremo 2021, rischia di saltare Ibrahimovic: cosa sta accadendo

Sanremo 2021 sarà senza pubblico, a dirlo il ministro Franceschini

Secondo il dem Franceschini non è sicuro consentire in sala la presenza neanche la presenza di figuranti, eventualmente tamponati e quarantenati. Il pubblico, prosegue il ministro, potrà tornare soltanto quando le norme lo consentiranno anche per il resto dei cinema e dei teatri.

La maggior parte degli utenti, però, si è trovata in disaccordo con il ministro perché, secondo loro, l’Ariston non è paragonabile a un normale teatro, ma più a uno studio televisivo. Nei programmi tv, infatti, il pubblico sta man mano tornando a essere presente in studio. C’è poi chi continua a insistere sulla riapertura di teatri e cinema perché qui, più che in altri luoghi, l’ingresso contingentato e le distanze di sicurezza sono più facilmente praticabili.

Occasione sprecata per dare un segnale di normalità” chiosa invece qualcun altro, nostalgico della vita prima dei DPCM.

Amadeus aveva assicurato la presenza del pubblico

Qualche giorno fa il direttore artistico e conduttore del Festival Amadeus aveva dichiarato che se non fosse stato permesso al pubblico di essere in sala la kermesse non si sarebbe tenuta. “Tutti insieme o si salta un giro“, aveva detto e a suo sostegno era arrivato anche un comunicato direttamente dai dirigenti di Viale Mazzini. Cosa succederà ora dopo le parole di Dario Franceschini? Amadeus farà un passo indietro? O accetterà la decisione avviandosi a condurre la prima, storia, edizione di Sanremo senza il pubblico all’Ariston?