“Assembratevi, fate feste”: l’influencer negazionista morta di Covid

Era diventata paladina dei negazionisti, ora l’influencer è morta a 23 anni proprio a causa del Covid contratto a una festa alla quale aveva partecipato.

Influencer negazionista morta di covid
L’influencer brasiliana Ygona Moura (fonte: Instagram)

Ygona Moura, influencer brasiliana transgender, è morta di Covid a soli 23 anni. A fare scalpore erano state le sue affermazioni negazioniste in cui invitava la gente ad assembrarsi e a partecipare a feste senza mascherina nè distanziamento fisico.

La Moura ha contratto il virus partecipando proprio a una di queste feste e vantandosene sui social. Qualche giorno dopo ha cominciato ad accusare i sintomi del coronavirus, è stata ricoverata in gravi condizioni in un ospedale di San Paolo e qui è deceduta dopo aver trascorso alcuni giorni nel reparto di rianimazione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Il pub negazionista resta aperto: niente mascherine e distanziamento VIDEO

Influencer morta di Covid incitava la gente a violare le norme anti contagio

Aveva partecipato a una festa accalcandosi con un sacco di gente e lo aveva documentato sui suoi profili social seguiti da migliaia di persone. Poi, aveva invitato i suoi followers a fare altrettanto. “Sono andata a ballare, mi mancava questa confusione” aveva scritto per raccontare la sua nottata.

Ygona si era spinta fino a prendere in giro le persone che in Brasile continuano a rispettare il distanziamento fisico e a usare la mascherina. Nel Paese sudamericano il virus sta colpendo con furia: sono già 9 milioni i contagiati e le vittime hanno superato quota 220mila. Inoltre, in Brasile sta dilagando la nuova variante, molto più contagiosa.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Celebre conduttore stroncato dal Covid: era un negazionista

Non ha fatto in tempo a trovare un’altra festa a cui partecipare che subito ha iniziato ad accusare i sintomi: stanchezza, fatica a respirare. Dall’ospedale ha documentato, fino a che ha potuto, il suo calvario scusandosi con i suoi seguaci e dicendosi pentito di quello che aveva detto e fatto.

Era molto conosciuta nella comunità Lgbt. Aveva raccontato di aver scoperto a 16 anni di essere gay, mentre a 20 era diventata transgender. Da qualche tempo viveva a Casa Florescer, una comunità di San Paolo che accoglie persone trans.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ygona Moura (@ygona.mouraa)