“Sei cinico, cattivo e stratega”: Tommaso Zorzi nel mirino al GfVip

Tommaso Zorzi è uno dei grandi protagonisti di quest’edizione del Grande Fratello Vip. Stasera sono state rivolte accuse pesanti all’influencer: ecco cosa è successo

Tommaso Zorzi a testa bassa
Tommaso Zorzi, concorrente del Grande Fratello Vip (Screenshot Instagram)

Il Grande Fratello Vip sta per volgere al termine dopo un’edizione molto lunga e ricca di colpi di scena. Il noto reality è entrato regolarmente nelle case degli italiani, catturando l’attenzione di tutti con liti, presunti e flirt e anche qualche uscita al di sopra delle righe. E uno degli assoluti protagonisti di quest’edizione è stato sicuramente Tommaso Zorzi. Il noto creator di Milano ha mostrato tutto il suo carattere e la sua personalità, mettendosi in evidenza come uno dei perni della casa più spiata d’Italia.

LEGGI ANCHE >>>Tommaso Zorzi, lo fa anche lui: la frase in casa fa discutere il web -VIDEO

Negli ultimi giorni, anche un carattere forte e espansivo come lui è andato incontro a un’accesa lite. Lo scontro con Giulia Salemi e Stefania Orlando ha monopolizzato l’attenzione nelle ultime ore: sono volate parole grosse tra i concorrenti all’interno della casa e le polemiche non sono mancate anche in puntata. Ecco cosa è successo e le accuse rivolte a Zorzi.

LEGGI ANCHE >>>Isola Dei Famosi, dentro Zorzi ed Elenoire Casalegno: con quali ruoli?

Tommaso Zorzi e la polemica con Giulia Salemi: Pupo non le manda a dire

Pupo sul palco
Pupo (Getty Images)

Mentre impazzano le polemiche e si accende lo scontro, Alfonso Signorini cerca di portare la calma e almeno un chiarimento. A intervenire è anche Pupo. Il noto cantante si schiera dalla parte di Giulia Salemi e non le manda a dire nei confronti di Tommaso Zorzi e Stefania Orlando: “State facendo davvero una brutta figura”. In particolare verso il creator di Milano sembra avere parole decisamente poco lusinghiere: “Sei cinico, cattivo e stratega…Direi proprio che sei perfetto per entrare nel mondo dello spettacolo”. E intanto il dissidio non si placa all’interno della casa: voi da che parte state?