Grave lutto per Donald Trump, l’addio a una persona vicina: di chi si tratta

Lutto per Donald Trump: è morto un suo grandissimo amico e sostenitore, conduttore di un famoso show radiofonico seguito negli Usa da 15 milioni di persone.

Morto Rush Limbaugh
Lo speaker radiofonico Rush Limbaugh (fonte: Getty Images)

È morto negli Stati Uniti Rush Limbaugh. L’uomo, repubblicano estremista, era un famoso speaker radiofonico che per anni, con il suo The Rush Limbaugh Show, ha tenuto compagnia a 15 milioni di americani. L’uomo è deceduto a causa di un tumore ai polmoni scoperto un anno fa e, nonostante la malattia, aveva continuato ad andare regolarmente in onda fino a ieri, quando la sua quarta moglie è intervenuta ai microfoni per annunciarne la morte.

La carriera di Limbaugh era stata all’inizio molto travagliata a causa delle sue idee complottiste e anche razziste. Aveva poi trovato il successo una volta sbarcato sulla rete conservatrice KFBK durante il mandato del repubblicano Ronald Reagan. Sotto la presidenza Trump aveva ricevuto una medaglia alla libertà che l’ex tycoon aveva deciso di assegnargli dopo aver ricevuto la notizia della sua malattia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Donald Trump si prende la rivincita: in Senato arriva proprio lei

Le idee conservatrici di Rush Limbaugh

Melania Trump e Rush Limbaugh
Melania Trump, ex first lady, consegna a Limbaugh la medaglia alla libertà (fonte: Getty Images)

Lo speaker radiofonico era di idee estremamente conservatrici. Non aveva mai nascosto il suo odio per i democratici e per le loro idee e anche in diretta durante il suo show non si risparmiava in insulti all’indirizzo di categorie di popolazione spesso discriminate come i migranti (accusati di portare il morbillo), i gay, gli ambientalisti e le femministe. Rifiutava i cambiamenti climatici e si era espresso duramente contro le proteste del Black Lives Matter.

Di Barack Obama (che lui chiamava “Magic Negro“) aveva sempre criticato la riforma sanitaria chiamata Obamacare, accusata di aumentare i divorzi. Aveva accusato l’attore Michael J Fox di fingere di soffrire di Parkinson. Infine, il suo complottismo si era manifestato anche in occasione della pandemia: Limbaugh era convinto che il coronavirus sia poco più di un raffreddore.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Trump, nuova accusa per The Donald: Istigò l’assalto e gongolava

Lutto per Donald Trump: l’ex tycoon rompe il silenzio stampa

La morte di Rush Limbaugh è stata la prima occasione in cui Donald Trump, da quando ha lasciato la Casa Bianca, ha deciso di rompere il suo silenzio stampa. È intervenuto in diretta su Fox News per esprimere il suo cordoglio ed esprimere parole di amicizia nei confronti dello speaker radiofonico. “Era un patriota e amava il suo Paese”, ha detto l’ex presidente, non perdendo occasione di sottolineare, come più volte anche Limbaugh aveva ripetuto fino allo sfinimento, che le elezioni vinte da Joe Biden sono state truccate. Dopo l’intervento in tv, Trump ha diramato un comunicato stampa in cui lo ha definito un amico e un portatore di verità.