Bambino dell’asilo positivo a Trento: isolamento per i compagni di classe

Bambino dell’asilo positivo al coronavirus a Pergine, in provincia di Trento. Il piccolo è asintomatico. L’annuncio del sindaco su Facebook

Bambino positivo al coronavirus a Pergine, in provincia di Trento. L’annuncio è stato dato da Roberto Oss Emer, il sindaco della città che tramite Facebook ha invitato i genitori a tenere i bambini a casa se dovessero avere dei sintomi influenzali.

Il piccolo è asintomatico e la positività è emersa dopo un controllo in ospedale fatto venerdì scorso.

L’asilo è gestito da una cooperativa che accoglie sessantasei bambini. Per le attività ripresa il 1 settembre si è seguito il protocollo secondo il quale i bambini devono essere divisi in piccoli gruppi.

Proprio questa divisione ha consentito di non mettere in isolamento tutta la scuola ma solo i bambini che hanno avuto contatti con il positivo: per altri cinque verranno effettuati i tamponi più due educatrici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mondovì, maestra positiva al coronavirus: bloccata la ripartenza scolastica

Bambino dell’asilo positivo: gli altri casi a scuola in Italia

AGGIORNAMENTO CORONA VIRUS DI LUNEDÌ 7 SETTEMBRE 2020

Un nuovo contagio da Corona Virus pertanto in totale sono 4…

Pubblicato da Roberto Oss Emer su Lunedì 7 settembre 2020

 

Con il nuovo caso di contagio, sono in totale quattro i positivi sul territorio comunale di Pergine.

Questo caso è un ulteriore campanello d’allarme per l’inizio della scuola ormai imminente. Da Nord a Sud, con la sola riapertura per i corsi di recupero una settimana fa, già sono stati registrati almeno quattro casi in tutta Italia.

Ieri a Taverna, in provincia di Catanzaro, sono stati chiusi due istituti superiore e precedentemente erano stati registrati altri casi in una scuola superiore in Piemonte e in Friuli Venezia Giulia.

Proprio ieri la ministra Azzolina ha spiegato in quali momenti a scuola si potrà abbassare la mascherina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cesare Battisti inizia lo sciopero dalla fame in carcere: i motivi