Covid, restrizioni per la Lombardia. Cosa prevede la nuova ordinanza

Il Governatore Fontana ha firmato la nuova ordinanza per la Lombardia valida dal 15 ottobre al 6 novembre

Movida Milano
Movida Milano (dal web)

Da sabato 17 ottobre avrà validità la nuova ordinanda per la Lombardia. Per contenere la diffusione del Coronavirus, il governatore Fontana ha firmato la nuova ordinanza con le nuove restrizioni. La prima modifica riguarda la chiusura dei locali: dopo le ore 18 sia i bar che i ristoranti potranno consentire solo la consumazione al tavolo e dovranno chiudere tassativamente alle ore 24.

A partire dalla suddetta ora fino alle ore 6 del mattino, non sarà consentito l’asporto di bevande alcoliche e le stesse non potranno essere consumate in luoghi all’aperto come piazze o parchi pubblici. Rientrano in questa nuova restrizione anche i distributori automatici attivi h24. Sono esclusi dalla regola i distributori di bevande analcoliche.

Potrebbe interessarti anche -> Covid-19, il bollettino del Ministero della Salute, del 16 Ottobre

Nuova ordinanza per la Lombardia: scuole e luoghi pubblici

Scuola
Scuola Covid (dal web)

L’ordinanza avrà validità a partire da oggi, sabato 17 ottobre, fino al giorno 6 novembre. Sulla questione scuola, l’argomento più discusso a seguito dell’ultimo DPCM, Fontana ha disposto che le scuole superiori ritornino come in periodo di lockdwon alla modalità della didattica a distanza con l’aggiunta di alternanza dell’attività in presenza. Le università dovranno favorire la didattica online.

Sono chiuse sale gioco, bingo e sale scommesse, nei locali non potranno essere utilizzati inoltre slot machine. Resta invariato quanto detto precedentemente sugli spettacoli al chiuso e all’aperto; 200 persone per i primi e 1000 nel secondo caso. Dovranno essere sospese le competizioni sportive dilettantistiche che prevedono un contatto fisico, mentre le palestre potranno continuare a svolgere la normale attività purché venga seguita la procedura solita di distanziamento e pulizia.

Potrebbe interessarti anche ->Azzolina-De Luca, botta e risposta: “Studenti nei negozi”

Firma del nuovo ordinamento

Fontana
Fontana-Lombardia (Facebook)

 

Con l’aumento dei casi, il governatore Fontana ha richiesto un incontro con i sindaci della Regione e con i capi partito. Per evitare un nuovo lockdwon, una stretta sulle regole può rivelarsi una decisone vincente. Fontana inoltre, si ritiene meno preoccupato rispetto alla situazione di marzo poiché i mesi passati hanno dato la possibilità di capire come si deve affrontare questa emergenza.

C’è una maggiore consapevolezza e conoscenza della situazione sia da un punto di vista di gestione che dal lato medico. In tal proposito, la nuova ordinanza ha toccato anche le Rsa: è vietato l’accesso alle strutture da parte di familiari se non autorizzati espressamente dal medico e in tal caso, sempre dopo aver eseguito il controllo della temperatura corporea e la normale prassi per evitare il contagio.

Potrebbe interessarti anche -> Lombardia, Attilio Fontana annuncia le nuove proposte anti COVID-19