Alberto Matano, le accuse della Cuccarini: “Ero incredulo”

Alberto Matano torna a parlare delle accuse lanciate da Lorella Cuccarini: “Ero incredulo, poi ho fatto dei bei respiri ma la priorità era andare in onda”

Alberto Matano torna a parlare delle accuse lanciate da Lorella Cuccarini. Non si placano le polemiche che ormai vanno avanti da tutta l’estate. I due nella scorsa stagione televisiva hanno condotto insieme La vita in diretta, poi l’ultima puntata della stagione ha significato la fine dell’esperienza per Lorella Cuccarini. Il prossimo 7 settembre, infatti, il programma ripartirà ma solo con Matano.

La presentatrice aveva accusato il giornalista Alberto Matano di essere un maschilista. Lo scorso 14 agosto sulle pagine di Repubblica l’ex conduttore del Tg1 aveva rigettato le accuse: “Maschilista? No, giornalista” aveva detto dopo un lungo periodo di silenzio nel quale la lite tra i due aveva trovato un po’ di tregua.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Maurizio Costanzo e la morte: “Lo dissi a Maria prima di sposarci”

Alberto Matano: “La lite con Diaco è una gigantesca fake news”

Alberto Matano
Alberto Matano e Lorella Cuccarini (foto web)

Intervistato oggi da Il Fatto Quotidiano, Matano ha ripercorso la sua carriera giornalistica fin dalla gioventù, poi è tornato sull’argomento. Quando ha letto l’email inviata dalla Cuccarini con la quale si congedava, ha detto di essere rimasto “incredulo, l’ho riletta, ho fatto dei bei respiri e ho pensato che la priorità era andare in onda per l’ultima puntata”.

Il loro rapporto non è stato facile e all’inizio hanno impiegato del tempo per conoscesi, “e forse una sola volta c’è stato un confronto acceso”.
Bolla poi come gigantesca “fake news” la lite con Pierluigi Diaco che aveva difeso la donna.

Insomma, della lite dei due si parla ancora e magari lei deciderà di dire ancora la sua, portando ancora avanti la vicenda.

E chissà che alla ripresa del programma, qualcosa emerga ancora.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Foto manifesto funebre con il dito medio, lo scatto fa il giro del web