1° maggio: tutti i film in uscita al cinema

Come la settimana scorsa, anche in occasione della Festa dei lavoratori del 1° maggio, uscite cinematografiche anticipate di un giorno. Riusciranno i nove titoli in sala questo weekend a mettere i bastoni tra le ruote ad Iron Man 3?

In prima filma per tentare di contrastare il cinecomic della Marvel, che dopo aver polverizzato ogni record di incasso nel weekend di uscita, continua la sua inarrestabile scalata al box office, c’è Hansel & Gretel – Cacciatori di streghe, rivisitazione in chiave dark della celebre fiaba dei fratelli Grimm con Jeremy Renner e Gemma Arterton. Quindici anni dopo aver ucciso la malvagia strega cattura bambini, ormai adulti, i due fratelli sono dei formidabili ed esperti cacciatori di streghe impegnati nella eterna lotta tra bene e male.

Steven Soderbergh dirige Effetti collaterali, un thriller psicologico che fa una feroce critica a ciò che di insano c’è dietro i business economici di certe case farmaceutiche. La trama ruota intorno alla vicenda di una coppia felice e innamorata la cui vita viene sconvolta, prima dall’incarcerazione di lui (Channing Tatum), e poi dalla depressione di lei (Rooney Mara) aggravata da un farmaco prescrittole dal suo psichiatra (Jude Law) che le provocherà inaspettati e letali effetti collaterali.  Dwayne Johnson è il protagonista di Snitch – L’infiltrato, un action thriller diretto da Ric Roman Waugh ambientato nel mondo della droga e incentrato sulla storia, realmente accaduta, di un padre che mette a rischio la propria vita, infiltrandosi in un’organizzazione internazionale dedita al traffico di stuperfacenti, per dimostrare l’innocenza del figlio adolescente condannato a 10 anni di carcere.

Miglior Opera Prima alla Mostra di Venezia, nel 2012, Muffa del regista turco Ali Aydin è un intenso e drammatico racconto sui desaparecidos kurdi in Turchia che ha per protagonista un uomo, un padre, che da diciotto anni è alla ricerca del figlio scomparso a Istanbul dopo essere stato arrestato dalla Polizia per azioni contro il governo.  Tra gli italiani c’è l’esordio alla regia di Valeria Golino con Miele, film che sarà presentato alla prossima edizione del Festival di Cannes nella sezione Un certain regard. Protagonista di questa storia di dolore che indaga sul valore della vita, è Jasmine Trinca, una ragazza di trent’anni che ha deciso di aiutare le persone malate terminali a mettere fine alle proprie sofferenze, ma le cui convinzioni sulla vita e sulla morte verranno messe in discussione dall’incontro con un uomo in buona salute, che ritiene solo di aver vissuto abbastanza. Arriva nelle sale anche Il cecchino di Michele Placido, un poliziesco girato e ambientato in Francia che parte da una rapina finita male per poi trasformarsi in una lunga e serrata caccia all’uomo, che vedrà contrapposti da una parte il commissario Mattei (Daniel Auteuil) e dall’altra il cecchino Kaminski e la gang di rapinatori scampata all’arresto.

Spazio alla commedia con Benur – Un gladiatore in affitto di Massimo Andrei, storia di un ex stuntman di Cinecittà che infortunatosi su un set, per sbarcare il lunario, si arrangia facendo il centurione al Colosseo; La finestra di Alice di Carlo Sarti, commedia con sfumature noir alla Hitchcock con protagonista uno squattrinato e timido scrittore che trascorre le sue giornate spiando con il binocolo la casa della sua bella vicina Alice, che sarà teatro di un misterioso omicidio; dalla Spagna arriva Il Commissario Torrente – il braccio idiota della legge, quarto episodio della commedia demenziale con protagonista un ex poliziotto ora detective privato, omofobo e razzista che ha conquistato i botteghini spagnoli. Con la crisi che colpisce il paese Torrente è costretto ad accettare un incarico insolito che lo porterà dritto in carcere, dove dovrà escogitare un piano per dimostrare la sua innocenza e incastrare chi lo ha tradito.

Ricerca personalizzata