MotoGP, Ducati, test al Mugello complicati dalla pioggia

In casa Ducati la fortuna non sembra proprio essere dalla parte del team, Nicky Hayden,  impegnato in questi tre giorni sul circuito del Mugello, per una sessione di test aggiuntiva, non ha potuto infatti portare a termine un lavoro completo per colpa delle continue precipitazioni atmosferiche.

Le condizioni atmosferiche sono state biuttosto bizzare, come spesso accade in primavera, alternando momenti di sole a momenti di forti acquazzoni, non permettendo così ad Hayden e Battaini di trarre benefici da questi test privati.

L’attenzione è ora rivolta alla prossima gara del mondiale MotoGP, in programma domenica prossima (29 n.d.r) sul circuito spagnolo di Jerez, dove tutti sperano di incontrare un clima più clemente.

Avevamo deciso di fare questo test per recuperare il tempo perso in inverno ma in realtà non abbiamo potuto fare più di tanto,” ha detto Nicky Hayden quando l’ennesimo acquazzone ha spinto il Ducati test Team ha chiudere in anticipo l’ultima giornata di prove.

“È un peccato, dato che la Ducati mi aveva dato la possibilità di girare con la mia moto e di lavorare con la mia squadra al completo. Ieri in realtà siamo riusciti a fare un paio di uscite con le “slick” e poi qualche giro con gli assetti da bagnato ma oggi, oltre alla pioggia, faceva freddo e si è alzato anche il vento.

Improponibile girare e, con due gare “back-to-back” davanti, non aveva senso rischiare. Non si può controllare il tempo quindi inutile lamentarsi, adesso pensiamo a Jerez!”

Al Mugello abbiamo trovato un meteo molto instabile,” ha commentato Filippo Preziosi, “ma abbiamo cercato di ottimizzare il lavoro facendo qualche prova di set-up con Nicky, anche in assetto da pioggia, dato che nei primi due test invernali aveva girato molto poco”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *