Superbike 2013: doppio Laverty a Istanbul, Sykes resta primo in classifica

Con la vittoria di entrambe le manche del GP di Turchia, Eugene Laverty fa un bel salto in classifica, prendendosi la terza posizione. Il leader del Mondiale, Tom Sykes è autore di una prestazione di grande intelligenza tattica, senza cercare la vittoria a tutti i costi, ma badando a tenere alle spalle il principale rivale, Sylvain Guintoli, battuto in entrambe le gare. Melandri si rifà della brutta prova in qualifica e ottiene un bel 2° posto in Gara 1, senza tuttavia riuscire a ripetere la prestazione anche in gara 2, nella quale non va oltre la 4° posizione.

Gara 1

Sykes prova subito a scappare e a cercare la vittoria in solitaria, nella speranza che gli inseguitori si ostacolino tra loro. La strategia non funziona perchè Laverty si stacca dal gruppone e al 5° giro, seguito a distanza da Melandri e Guintoli, riesce a congiungersi al britannico. Il gruppetto si disfa e si forma varie volte fino al 14° giro quando Laverty infila la Kawasaki di Sykes che sembra afflitta da problemi ai pneumatici. Melandri non vuole perdere il treno dei primi e passa Guintoli. A pochi giri dal termine il ravennate ingaggia un duello con il pilota inglese, riuscendo a ottenere la seconda piazza. Sykes dimostra grande lucidità e intelligenza lasciando passare Melandri perchè in tal modo conserva meglio le gomme e resiste agli attacchi di Guintoli, suo diretto avversario nella corsa al titolo. Alle loro spalle si assiste a un gran duello in puro stile SBK tra Giugliano e Toni Elias, con il pilota italiano che riesce ad avere la meglio.
Curioso notare che i tanti infortuni durante le prove libere, sommati alle cadute e ai ritiri in gara, hanno portato solamente 14 piloti a tagliare il traguardo, quando le posizioni a punti erano 15.

Gara 2

Nella seconda manche Sykes sembra avere un passo migliore e prova nuovamente ad andarsene in solitaria ma, ancora una volta, deve arrendersi all‘Aprilia di Laverty che lo supera al 12° giro e lo lascia definitivamente alle spalle. A quel punto l’irlandese della Kawasaki decide nuovamente di non rischiare per vincere e amministra il vantaggio su Guintoli, che chiude 3° senza mai rendersi pericoloso. Melandri chiude 4°, ostacolato nei primi giri dalla bagarre con Elias, Chavies e Giuliano che finiranno rispettivamente 5°, 6° e 9°. Con questo risultato il pilota ravennate della BMW perde i punti che aveva limato a Sykes in gara 1 e si viene raggiunto in classifica da Laverty.
L’assenza di Badovini in gara 2 ha fatto segnare un triste primato: per la prima volta nella storia della Superbike non erano presenti moto Ducati al via.

La classifica generale vede Tom Sykes in prima posizione con un vantaggio molto risicato su Guintoli, secondo a -7 punti. Con la doppietta di oggi, Laverty si prende la terza posizione a -26 mentre Melandri perde terreno e scala in quarta posizione, a -33 punti dalla vetta.

Il prossimo appuntamento è a Laguna Seca, terzultimo GP della stagione Superbike 2013.

[foto di wsbk2013.aprilia.com]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here