Senzatomica fa tappa a Bologna

Dall’ 11 ottobre al 3 novembre a Bologna, presso la sala d’Ercole di Palazzo d’Accursio, sarà possibile visitare la mostra “Senzatomica. Trasformare lo spirito umano per un mondo libero da armi nucleari”, una campagna per la sensibilizzazione contro il nucleare ideata dall’ Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai.

L’ esposizione già ospitata negli ultimi due anni a Firenze, Pesaro e Milano, attraverso documentari, video e testimonianze fotografiche di alcuni sopravvissuti alle esplosioni di Hiroshima e Nagasaki si pone come fine quello di mostrare i reali vantaggi del disarmo nucleare, ritenuto il presupposto necessario per costruire un mondo pacifico.

Se, infatti, durante gli anni della guerra fredda emerse una forte convinzione circa i benefici strategici delle armi nucleari, considerate efficaci strumenti per evitare la guerra tra i maggiori stati, terrorizzati dalla reale possibilità di auto-distruzione, oggi la deterrenza nucleare viene guardata con un certo distacco. Secondo Simona Lembi, Presidente del Consiglio Comunale di Bologna, il centro Soka Gakkai e le mostra “Insistono sulla necessità di intraprendere un percorso personale, che parta dal cuore di ognuno. Per occuparsi, in primis, della propria pace interiore per poi passare al generale”.

La mostra composta in tutto da 42 pannelli principali e 12 destinati ai più piccoli, propone un percorso articolato in quattro sezioni, ognuna delle quali è dedicata al raggiungimento di un obiettivo fondamentale: garantire il diritto alla vita di tutti i popoli; passare dalla sicurezza basata sulle armi alla sicurezza scaturita dal soddisfacimento dei bisogni fondamentali degli uomini; cambiare la visione del mondo, passando dalla cultura della paura alla cultura della fiducia reciproca; conoscere le azioni per costruire la pace.

La mostra promuove, insomma la diffusione di una nuova cultura di pace con la speranza che questa venga accolta innanzitutto dalle nuove generazioni. Inoltre al termine del percorso è possibile firmare affinché l’anno prossimo, alla Convenzione Internazionale sulle Armi Nucleari, anche l’Italia voti, per la prima volta, a favore del disarmo.

L’ ingresso è libero, ogni giorno dalla domenica al giovedì dalle 9:00 alle 20:00, il venerdì e il sabato fino alle 22:00.