Eurolega: Siena, addio Top 16. Malaga vince a 1″ dalla fine

Contro l’Unicaja Malaga sarebbe bastata una vittoria alla Mens Sana per conquistare il pass d’accesso alle Top 16 di Eurolega, obiettivo mai sfuggito alla compagine senese negli ultimi sei anni, è arrivata una sconfitta dolorosa, 62-64 per gli andalusi, che lascia l’amaro in bocca, visto che si è materializzata al fotofinish, quando tutti erano con la testa all’overtime.

Un primo tempo con soli 22 punti messi a referto ha pesato sull’andamento della gara, con Siena che è riuscita a ricucire lo strappo nel terzo periodo, ma è crollata ad un metro dalla linea del traguardo. Pesantissimo lo 0/15 dall’arco dei 6,75 con cui i campioni d’Italia hanno chiuso i primi due parziali.

Trascinata da Carter (4/7 da 3 punti) la Montepaschi ha recuperato lo svantaggio iniziale, anche grazie alle ottime prove di Hunter (14 punti con 7/10 dal campo) e di Erick Green (12 punti, 2 assist e 4 rimbalzi), ma non è riuscita a contrastare Chaner-Medley (20 punti per lui alla fine) e Jayson Granger (13 pt), che con il suo semigancio sulla sirena, molto simile ad un “Ave Maria“, ha regalato la vittoria agli spagnoli.

A fine match Daniel Hackett (è rientrato contro Malaga dopo l’infortunio realizzando 6 punti, ma non è bastato per qualificare la Mens Sana) non è riuscito a trattenere le lacrime, sia per lo scotto dell’eliminazione, ma soprattutto per l’imminente trasferimento all’Emporio Armani Milano che appare ormai scontato:

Vincere questa gara avrebbe significato entrare nelle Top 16 di Eurolega. Ma il sogno è svanito. Malaga ha beffato la Montepaschi proprio come Viggiano aveva fatto nella partita di andata: sulla sirena la squadra spagnola ha vinto. Grande la delusione sugli spalti del Mandela e quella della squadra. Ci tenevo per la squadra e per la società che ha fatto la storia della pallacanestro mondiale. Sono state tre settimane turbolente per me, io voglio bene a Siena, penso di aver dato davvero tutto e ho cercato di fare del mio meglio per questa società che mi ha portato a essere campione d’Italia e qualsiasi sia il mio destino voglio bene alla gente di Siena. Cosa accadrà non lo so“.

Ricerca personalizzata