F1 GP USA: la storia non cambia, super Red Bull e pole per Vettel

Per Sebastian Vettel non ci sono più definizioni. La conferma del grande campione arriva con il record alle qualifiche di oggi, con un tempo mostruoso che gli ha permesso di conquistare la pole position del GP degli Stati Uniti, strappandola all’ultimo secondo al compagno Mark Webber. Il tedesco, già matematicamente campione del mondo per la quarta volta ma alla caccia di altri record (su tutti quello di vittorie consecutive in un Gran Premio che potrebbe ottenere domenica), nelle qualifiche in Texas sembrava destinato a restare dietro a Webber, autore di un giro quasi perfetto, ma all’ultimo tentativo, con un terzo settore perfetto, ha beffato il compagno di squadra per appena tre millesimi.

Un piccolo miracolo lo fa Fernando Alonso, che improvvisamente risorge e piazza la Ferrari al sesto posto, subito dietro ai rivali per la classifica costruttori. Addirittura nella Q2 ha fatto segnare il terzo tempo, quasi inaspettatamente, soprattutto viste le condizioni di forma della rossa e i postumi dell’infortunio al collo di Abu Dhabi. Domani lo spagnolo, scattando dalla terza fila, potrà sperare in una gara d’attacco: la Lotus di Romain Grosjean (3°), la Sauber di Nico Hulkenberg (4°) e soprattutto la Mercedes di Lewis Hamilton (5°) sono a portata di sorpasso.

Lo spagnolo della Ferrari riesce a limitare i danni mentre Felipe Massa non entra neppure nella Q3 e lamenta alcuni problemi gravi sulla macchina che non sono stati ancora risolti. Sorte analoga per Nico Rosberg. “Noi dobbiamo soprattutto battere la Mercedes, visto che siamo in lotta con loro nel Mondiale costruttori. Rosberg parte con Felipe e io con Hamilton: dobbiamo arrivare davanti a loro, questo è il nostro target per domani e quello che dobbiamo fare“. Lo ha detto Fernando Alonso subito dopo le qualifiche, a dimostrazione che non contano le prime posizioni, imprendibili ormai a causa del dominio Red Bull, ma difendedere la posizione nella classifica costruttori.

La gara sarà trasmessa in diretta tv alle ore 17 di oggi, domenica 17 novembre, su Sky Sport F1 e Rai 1.

Ricerca personalizzata