Final Eight di Coppa Italia: tutti a caccia di Milano

I 3 giorni del condor del basket italiano partiranno domani: il Forum di Assago è pronto ad accogliere le migliori compagini della nostra pallacanestro, pronte a darsi battaglia nelle Final Eight di Coppa Italia per aggiudicarsi l’ambito trofeo. Programma denso e ricco di sfide interessanti: match ad eliminazione diretta che determineranno quali saranno le due squadre a contendersi il trionfo nella finalissima di domenica sera. Pochi calcoli e tanta pallacanestro: non ci saranno prove d’appello.

L’albo d’oro delle ultime cinque edizioni delle Final Eight di Coppa Italia parla interamente toscano: la Montepaschi Siena ha messo a segno un filotto di vittorie impressionante e inarrestabile ma vista l’attuale situazione della squadra allenata da coach Crespi, paventare un sesto trionfo risulta particolarmente azzardato. L’Olimpia Milano, padrona di casa, cerca un successo che manca dal 1996 e parte come assoluta favorita in questa edizione della kermesse cestistica italiana.

La palla a due che aprirà i battenti sarà alzata domani alle 13 con Siena e Roma pronte a duellare per un posto nelle semifinali. La Mens Sana si presenta con il dubbio Carter, bloccato da qualche problema fisico: nell’ultima giornata di campionato, la guardia americana ha chiuso con un impietoso 0 alla voce punti, ma coach Crespi punta forte sul suo recupero per avere un’arma in più dall’arco. L’Acea di Dalmonte ha salutato ieri Taylor: i guai all’anca del giocatore hanno fatto propendere la società romana per la rescissione contrattuale. Goss e Hosley dovranno essere pronti a reggere il peso offensivo della squadra, con Baron pronto ad incendiare il match.

Brindisi e Venezia si affronteranno alle 15.30: l’Enel di Bucchi si presenta a questa Final Eight di Coppa Italia da autentica sorpresa del campionato ma priva del proprio leader: Massimo Bulleri, dopo aver dominato la gara contro Cremona, ha riportato la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Stagione finita per il Bullo e grande perdita per la squadra soprattutto in termini di carisma, con Dyson chiamato a prendere per mano i suoi e portarli ad una storica semifinale. La Reyer, invece, si trova nel bel mezzo di una bagarre societaria: il presidente Brugnaro ha minacciato le dimissioni dopo l’ennesima lite interna con i tifosi, rei di aver intonato cori contro Treviso, storica rivale della squadra veneta, anche nell’ultima partita casalinga contro Varese. Coach Markowski dovrà essere abile nel serrare i ranghi e mantenere i suoi concentrati.

Dall’altra parte del tabellone partite molto equilibrate sulla carta, con Cantù e Reggio Emilia pronte a scendere sul parquet alle 18. I brianzoli sperano di poter ottenere il pass per le semifinali contando sulla voglia di riscatto di Aradori e Jenkins, deludenti nell’ultimo turno di campionato, con Ragland atteso ad un’altra prova super per avere la meglio contro i reggiani. La Grissin Bon perde per queste Final Eight di Coppa Italia Andrea Cinciarini, bloccato da una lesione al soleo della gamba destra. L’assenza del play azzurro non sarà facile da metabolizzare in così poco tempo e coach Menetti si dovrà affidare all’infinta esperienza di Kaukenas, tornato a livelli altissimi con i 24 punti messi a referto contro Montegranaro.

L’ultimo quarto di finale vedrà opposte, alle 20.30, Milano e Sassari. L’Olimpia, padrona di casa, è certamente la favorita per la vittoria finale: l’arrivo di Hackett ha portato entusiasmo e successi sia in campionato che in Eurolega. Grande attesa per Gentile e Melli con Langford pronto a prendersi la scena. Clima teso in casa Dinamo: le ultime sconfitte hanno minato le certezze dei sardi con il presidente Sardara intervenuto per richiamare all’ordine la squadra, soprattutto dopo le parole di Omar Thomas, che ha fatto riferimento ad un eccesso di egoismo da parte dei singoli. Armonia del gruppo a rischio e coach Sacchetti con tanti dubbi viste le precarie condizioni di Gordon e Travis Diener. I tifosi sassaresi si aspettano una reazione immediata puntando su ManDrake Diener, che avrà scaldato le mani dopo i soli 9 punti dell’ultimo match contro Pistoia.

Ricerca personalizzata