Fiorentina: un mercato di gennaio quasi perfetto, si punta alla Champions

La Fiorentina di Montella doveva essere una delle grandi protagoniste quest’anno, e considerato il mercato estivo le premesse c’erano tutte. Primo passo verso la grandezza è stato l’acquisto di uno dei migliori centravanti che l’Europa potesse offrire: Mario Gomez. Il tedesco è arrivato dal Bayern Monaco per poco più di 15 milioni di euro, più 5 di bonus pagabili in quattro anni. È stato l’acquisto più costoso dell’era Della Valle, e la società ha deciso di costruire la squadra intorno a lui. Fuori Jovetic e Ljajic, rispettivamente ceduti a Manchester City e Roma, e dentro Gomez, Rossi (acquistato lo scorso gennaio per 10 milioni più bonus) e il giovane colombiano Cuadrado, che ha la piena fiducia di Montella.

L’inizio di campionato è ad alti livelli, ma dopo poche giornate Mario Gomez si infortuna e si presume debba rimanere fuori a lungo. Le speranze sono tutte sul talentuoso attaccante italiano, Giuseppe Rossi, che ad oggi è il capocannoniere del campionato con 14 gol. Sembra essere la sua annata migliore, se non fosse per un’infortunio – l’ennesimo – che probabilmente lo terrà fuori sino a fine stagione. Le ultime notizie dicono che l’operazione – prima ipotizzata – non è necessaria e potrebbe tornare in campo già ad aprile. In avanti però è emergenza: Gomez è un mistero, e Cuadrado da solo non basta. Montella vuole un centravanti, ed ecco che la dirigenza torna prepotentemente sul mercato e prende Matri, in prestito dal Milan. L’attaccante ex Juve debutta alla grande realizzando una doppietta contro il Catania. Matri però non è l’unico ad arrivare a Firenze, le opportunità che offre il mercato porta l’ipotesi Anderson – centrocampista classe ’88 – del Manchester United. Il brasiliano arriva ai viola in prestito con diritto di riscatto fissato a 6,5 milioni di euro.

La Fiorentina fa sul serio, e dopo l’attacco e il centrocampo rinforza anche la difesa: nell’ultimo giorno di mercato prende Diakitè dal Sunderland. Anche lui in prestito. Il difensore ha giocato nella Lazio dal 2006 al 2013.
Con le opportunità offerte dal mercato, il lavoro della dirigenza Viola può sicuramente definirsi più che buono, e i rinforzi mirati nei rispettivi reparti hanno ridato ossigeno a una formazione colpita da tanti infortuni. Adesso si lavora per giugno, con la risoluzione della comproprietà con l’Udinese per Cuadrado. Alcune voci parlano anche di un interessamento per Muriel.

Obiettivo Champions. Quella di gennaio è una finestra di mercato che conferma le ambizioni della Fiorentina, ovvero la Champions League, ad ammetterlo è lo stesso Montella che si ritiene soddisfatto, e aggiunge: «Dobbiamo ringraziare la proprietà perché siamo andati fuori dai nostri parametri e questo conferma le ambizioni e la voglia di crescere di questa società».

Ricerca personalizzata