Futsal Euro 2014: Italia show, gli azzurri volano in finale

Ad un passo dalla vittoria, ad un solo passo da un traguardo storico, il tetto d’Europa.
La Nazionale italiana è sempre più vicina a coronare questo grande sogno, vincere il Futsal Euro 2014, il campionato europeo di quel bellissimo sport che la maggior parte della gente identifica con il “calcetto“.

Gli azzurri si sono imposti 4-3 sul Portogallo, squadra che rievoca dolci ricordi alla nostra compagine visto il precedente favorevole nel Mondiale in Thailandia. Mister Menichelli per quest’importante sfida sceglie il quintetto Mammarella, Lima, Romano, Merlim e Saad. Gli azzurri partono a razzo e dopo un solo minuto trovano il vantaggio firmato Lima, abile nel sfruttare un calcio d’angolo di Saad.
I portoghesi, favoriti, non ci stanno e alzano subito i ritmi ribaltando il risultato con la rete del pareggio di Ricardinho ed il goal del momentaneo vantaggio firmato Arnaldo. La prima frazione di gara si conclude quindi sul risultato di 2-1 per i nostri avversari, più abili nel tenere un giropalla veloce e preciso.
La musica però cambia radicalmente nella ripresa, lo spartito stavolta lo suonano gli azzurri che con Romano, Lima e Fortino ed aiutati dai legni., portano il risulto dalla nostra parte, sul clamoroso parziale di 4-2. L’assalto del Portogallo, che trova il 4-3 con uno scatenato Ricardinho, mette solo i brividi all’Italia che soffrendo e lottando porta a casa un risultato storico: la finale di Futsal Euro 2014.

A fine partita Menichelli è al settimo cielo per l’impresa dei propri ragazzi: “Aver raggiunto la prima finale della mia carriera è un motivo di soddisfazione per me, ma davanti metto i complimenti ai giocatori. Di aggettivi per qualificarli non ce ne sono: dire eccezionali, è dire poco. Io personalmente sono soddisfatto perché al di là che è la prima finale sono contento del lavoro che abbiamo portato avanti in questi anni. Un lavoro fatto bene sotto il piano tecnico ma non solo, di una squadra che si conquista sempre più tifosi e appassionati e richiama gente. A me questo fa molto piacere, al di là della tenuta agonistica: dopo due medaglie, ne arriva un’altra. Ora penseremo a quale far arrivare. Dedico questo successo ai giocatori, al futsal italiano, alla Figc, alla Divisione, e a tutti i tifosi e ai parenti dei ragazzi che ho invitato personalmente in albergo dopo la riunione tecnica, per far dare la loro carica alla squadra“.

La finale dell’Europeo è il giusto premio ad un gruppo straordinario, che aveva iniziato il torneo con un passo falso, la sconfitta subita dalla Slovenia, 2-3 all’esordio. Pian piano però è venuto fuori l’orgoglio di questi ragazzi che hanno sconfitto prima l’Azerbaigian, poi la Croazia ed infine l’impresa con il Portogallo.
L’ultimo scoglio da superare, sabato sera, è la Russia che ieri ha sconfitto la Spagna campione in carica. I precedenti con i russi (sette vittorie azzurre, quattro pareggi e cinque sconfitte) lasciano presagire una partita tesa e combattuta. Bisognerà lottare fino all’ultimo centimetro per conquistare la vetta d’Europa e la medaglia d’oro.
L’impresa rientra nelle corde di questi straordinari ragazzi ai quali va il nostro grande in bocca al lupo ed i complimenti per il cammino svolto fino a questo momento. E chissà che grazie alle loro imprese sempre più persone non possano innamorarsi di questo bellissimo sport.
Ci sarà tempo per pensare anche a questo, ora la testa dell’Italia è concentrata al campo. A sabato sera. I ragazzi hanno un Europeo da vincere. Noi possiamo solo, anzi abbiamo il dovere, di fare un gran tifo per loro.

Ricerca personalizzata