India, il cognato la picchia perché incinta: il video choc

Meena Kashyap

La sua unica colpa è stata quella di aver partorito una bambina. Ed è così che Meena Kashyap, 35enne residente a Katalwi, nello stato indiano del Punjab, è stata malmenata selvaggiamente dai suoi stessi familiari.

Nel filmato, che ha presto fatto il giro della rete, si vede la donna che prova a divincolarsi e ad evitare le botte mentre urla a più non posso. I due uomini però, di cui uno il cognato e l’altro un suo amico, non sembrano voler sentire ragioni e continuano a bastonare con una mazza da hockey quella povera donna ormai accasciata in un angolo.

Ma come mai tanta veemenza e tanta rabbia? Il fatto è che Meena, rimanendo incinta, ha perso la sua dote da quasi 10mila euro, cifra che la sua famiglia avrebbe corrisposto a quella del marito come “compenso” per la ratifica del contratto matrimoniale. Il caso di Meena non è isolato: in India, il fatto che ci sia ancora la dote in circolo ha fatto nascere numerosi episodi di violenza ai danni delle mogli.

Meena, tra l’altro, avrebbe lamentato in più di una occasione la violenza che la famiglia di suo marito era solita riversare su di lei. La polizia, quindi, sta pensando di incriminare anche il marito Daljit Singh, pur non avendo picchiato fisicamente la moglie. Tra gli indagati ci sono poi il fratello Kamaljeet e un suo amico identificato come Gaurav, loro sì, artefici materiali della violenza.

Il tema della violenza sulle donne in India torna così prepotente sulla scena e fa letteralmente rabbrividire: non dimentichiamo infatti che l’India è uno dei Paesi in cui il problema è più ampio e serio che in altri.

Ricerca personalizzata