La Terra: il pianeta di plastica

La produzione di plastica in scala industriale ebbe inizio negli anni ’50, si stima che  sono stati prodotti circa 8.2 bilioni di tonnellate di plastica. E’ dappertutto, ma la maggior parte, circa 6 bilioni giacciono dispersi  nell’ambiente, nei oceani, nei mari, nei laghi, dovunque l’essere umano non rispettoso ci sia stato.

Nonostante le grosse campagne   sulla raccolta differenziata, sull’importanza che può  avere sul nostro ecosistema, più di tre quarti della popolazione globale non gliene frega niente.

Stiamo riciclando solo il 15% della plastica che produciamo, se si continua cosi entro il 2050 , nell’ambiente saranno dispersi circo 20 bilioni di tonnellate di plastica, dobbiamo educare almeno i bambini, nelle scuole ad essere più responsabili.

Inutile quasi fare la raccolta differenziata nelle grandi città se 30 chilometri più in là, ciò che fai tu non conta.

Indirettamente ma la plastica contribuisce anche al effetto serra, circa il 12% della produzione mondiale di plastica viene bruciata nei inceneritori, aiutando cosi al fenomeno del riscaldamento globale.  Ci vuole così tanto ad essere più responsabili?

Stiamo uccidendo oltre che svuotando i nostri mare e oceani con la plastica, molti i casi di animali marini trovato soffocati con sacchetti di plastica o con lo stomaco pieno di spazzatura plastica.

Non dimenticate che l’isola galleggiante nella parte del  Pacifico settentrionale, che ha un età stimata intorno ai 60 anni e che fu scoperta solo agli inizi degli anni ’80, è sempre li, in continuo aumento.

Ricerca personalizzata