Alzi la mano chi non sogna di avere un sorriso smagliante…. Tutti vorremmo avere dei denti bianchissimi per sfoggiare il miglior sorriso. Ma oggi è possibile, e vi diremo cosa fare.

Lo sbiancamento dei denti è una pratica che si può fare a domicilio o dal dentista. In entrambi i casi si tratta di schiarire lo smalto dei denti attraverso l’utilizzo di un gel a base di perossido di idrogeno (o acqua ossigenata). L’operazione naturalmente, è indolore, chiunque può sottoporsi a questo trattamento e ottenere così una dentatura bianca e lucida.

Lo sbiancamento “alla poltrona” avviene in una o al massimo due sedute. Il dentista applicherà sullo smalto un gel viscoso ad alta concentrazione di perossido di idrogeno. I denti vengono esposti ad una luce particolare che ha la funzionalità di far penetrare meglio la sostanza.

La seduta dura da mezz’ora fino ad un massimo di 90 minuti. Questi dipende dallo stato di colorazione del dente. Ma come è stato illustrato precedentemente, lo sbiancamento può essere eseguito anche presso il proprio domicilio. Sarà l’utente stesso ha effettuare tale pratica. Il dentista fornirà delle mascherine apposite che riproducono la forma delle arcate. Basterà applicare il gel apposito e lasciare in posa per mezz’ora al giorno per 5 o 6 giorni.

Sbiancamento dei denti: vantaggi

Uno dei vantaggi è che lo sbiancamento dei denti è destinato a durare per almeno 4 o 5 anni. Naturalmente se si è soliti bere caffè e fumare è chiaro che la durata sarà minore. Per quanto riguardano invece gli svantaggi, ce n’è soltanto uno, ovvero il prezzo. In pratica il costo varia da un minimo di 400€ per arrivare fino ad un massimo di 1200€. Il costo dipende dal tipo di metodo utilizzato e dalle sedute che si effettuano.