Manchester City, Tevez: “Sono stato depresso”

Carlos Tevez, attaccante argentino del Manchester City, ha ammesso di essere entrato in depressione dopo l’eliminazione dell’Argentina dalla Coppa America. Il bomber ha dichiarato:

“Sono caduto in depressione e sono ingrassato di 6 chili . Ho avuto una crisi personale e sono stato ricoverato in ospedale. Ero depresso e mangiavo tantissimo. Questo lo sapeva solo la mia famiglia”.

La sua nazionale ha giocato la Coppa America in casa e per nessun motivo al mondo avrebbe dovuto fallire, alla fine l’Argentina non ha fatto molta strada nella competizione e Tevez non l’ha presa molto bene: su di lui e sul sul compagno di squadra Messi, l’intera nazione riponeva grande fiducia. La punta ha voluto difendere il talento del Barcellona:

“Sapevamo che se non avessimo vinto ci avrebbero ammazzato. Se l’Argentina gioca male dicono che è colpa sua, se gioca peggio è colpa di chi è al fianco di Messi, insomma è sempre tutta colpa sua. Ma stiamo parlando del miglior giocatore del mondo”.

Tevez si sta pian piano riprendendo, con la chiusura del calciomercato ha trovato la giusta tranquillità e tutte le voci di un suo possibile passaggio all’Inter sono state messe a tacere: ora si concentrerà per dare una mano al suo club. L’argentino ha confermato che i rapporti con il suo tecnico Mancini sono abbastanza buoni:

“Con il mister ci siamo scontrati in tutte le lingue del mondo, c’è un rapporto di amore e odio ma è un fenomeno. Lui vuole vincere sempre, è come me. Mancini ha consigliato di andare a Buenos Aires per riprendermi dalla delusione della Coppa America, non sono lo stronzo che tutti pensano io sia”. 

Ricerca personalizzata