Nazionale, la squadra comincia a prendere forma

    Ancora qualche giorno e Cesare Prandelli renderà pubblica la lista dei 23 giocatori che prenderanno parte agli Europei di Polonia e Ucraina. Il 28 il ct azzurro farà le sue scelte definitive, gli esclusi resteranno comunque a disposizione fino al 5 giugno.

    I punti di riferimento saranno Buffon in porta, Pirlo e De Rossi a centrocampo, Cassano e Balotelli in attacco. Potrebbero esserci diverse sorprese, come Destro e Borini, inizialmente i maggiori candidati al taglio. Prandelli, invece, ha sottolineato come alla fine tutti gli attaccanti potrebbero essere confermati, mentre in difesa ci potrebbe essere qualche sacrificio: “All’inizio avevo qualche dubbio sui due ragazzi giovani, ms tutti i sei attaccanti meriterebbero di rimanere perche’ mi stanno convincendo. Verificheremo, prima non avevo un dubbio, adesso ce l’ho. Se faremo la scelta dei sei attaccanti e’ perche’ porteremo un difensore in meno”.

    Sarà dunque un’Italia a trazione anteriore che cercherà sempre con insistenza la fase d’attacco, cercando di creare gioco e finalizzandolo al meglio. I talenti non mancano e gli azzurri possono essere la vera sorpresa del torneo. Giovinco e Di Natale potrebbero far fare il salto di qualità alla squadra se riusciranno a confermare quanto di buono hanno fatto vedere in questa stagione. Vedremo se Marco Verratti riuscirà a rientrare nei 23: a 19 anni per lui è già un sogno essere nel gruppo dei pre-convocati. Il futuro è suo.

    Inutile nascondere che l‘Italia non parte con i favori del pronostico, ma questo potrebbe rivelarsi un bene. Spagna e Germania partono un gradino sopra le altre, ma nel calcio può succedere di tutto.

    Ricerca personalizzata