Nintendo, videogame come test prima di adozione cani e gatti

    Nintendogs-CatsTutti i genitori che hanno paura che i propri i figli non siano ancora pronti per accudire un animale domestico, presto, potranno contare sull’aiuto di un test da fare attraverso un videogame. L’iniziativa «Nintendogs+Cats per la gestione responsabile di cani e gatti», promossa dalla Lega nazionale per la difesa del cane e dall’azienda giapponese, punta proprio a questo: il cucciolo virtuale che salva quello reale. Dal 20 giugno in venti centri di ricovero e difesa degli animali a chi si presenterà per adottare un cane o un gatto verranno infatti consegnati console 3d e videogioco, in prova per una settimana. Una settimana d’esame per capire le abitudini e le esigenze quotidiane degli amici a quattro zampe.

    Il cucciolo virtuale riuscirà a comportarsi come un perfetto animale in carne ed ossa grazie alla console che è dotata sia di riconoscimento vocale che di una telecamera che permetteranno al cucciolo di rispondere alla voce del proprio padrone e di leccargli il viso ogni qualvolta si avvicinerà allo schermo.

    Ma oltre agli svaghi e alle carezze, il cucciolo avrà bisogno di cure e attenzioni. È questa la parte più impegnativa della prova. Perché il padrone dovrà pulire il cucciolo, dargli da mangiare, decidere il suo abbigliamento, portarlo a passeggio, fargli incontrare nuovi amici a quattro zampe, curarlo, insegnargli a dare la zampa o a sedersi a comando.

    Nintendogs-Cats
    Naturalmente lo stesso discorso vale per i gatti, ma con un’eccezione: proprio come nella realtà, i felini sono più solitari e meno propensi alle coccole, dunque al futuro adottante è richiesto un impegno maggiore. L’apprendistato virtuale è rivolto non solo ai grandi, ma soprattutto ai bambini, che spesso hanno delle relazioni sbagliate con gli animali.

    «I ragazzi non hanno l’opportunità di conoscere in modo diretto il mondo degli animali se non con giocattoli o peluches – spiega lo zooantropologo Roberto Marchesini – e per questo spesso il loro primo incontro con un cane o un gatto li vede totalmente impreparati». L’iniziativa, insomma, serve proprio a sensibilizzare i futuri proprietari di animali ed evitare che, una volta presa la decisione di adottare un cucciolo, non si torni più indietro.

    Ricerca personalizzata