Paniere ISTAT 2014: cosa entra e cosa esce dalla lista dei consumi italiani

Le abitudini delle persone variano al passo dei tempi che cambiano, e il paniere istat, ossia l’elenco dei prodotti che non mancano mai nelle case degli italiani, riserva non poche sorprese nel 2014.

Le new entries sono: al primo posto le sigarette elettroniche, prodotto che aveva iniziato col botto e che ha già visto una gravissima crisi nelle vendite, ma di cui fanno uso moltissime persone. Successivamente sono entrati nel paniere i sacchetti biodegradabili per la raccolta del rifiuto umido, diventata ormai obbligatoria in moltissime città. Anche il vecchio yogurt biologico ha dovuto dire addio al paniere in favore del più moderno (se così possiamo definirlo) gemello probiotico.

I nuovi arrivi

Ma non solo oggetti di tutti i giorni vanno a finire nel paniere: per quanto riguarda le nuove tecnologie fanno la loro comparsa i netbook convertibili, ossia quei device elettronici che possono funzionare sia come computer portatili, sia come tablet. E se si dispone di un così moderno oggetto sarebbe un peccato non passare all’informazione 2.0, entrano quindi nel paniere anche gli abbonamenti ai quotidiani in versione elettronica, ossia le copie digitali da sfogliare direttamente sulla propria tavoletta multimediale.

Ma insieme a questi ingressi, nonostante i prodotti nel paniere siano complessivamente aumentati, non mancano le uscite di scena come quella del tailleur, sostituito da un più generico abito donna, e quella della riparazione di apparecchiature elettroniche, segno inequivocabile del fatto che in questi anni quando qualcosa si rompe, non la si ripara ma piuttosto si compra la versione più recente.

I prodotti annoverati nel paniere sono complessivamente aumentati, passando da 1429 articoli a 1447 e vengono stabiliti grazie al calcolo dell’inflazione rispetto al paniere precedente, di ottanta comuni italiani.

Ricerca personalizzata