Patatine Cipster ritirate dal mercato: presentano allergeni non dichiarati

cipster

Interi lotti di patatine Cipster sono stati ritirati dal mercato della grande distribuzione, ed in particolare dai negozi Auchan e Simply.

Il motivo? Come si legge nell’avviso diffuso sui siti ufficiali di entrambe le catene di supermercati, le patatine richiamate presenterebbero degli allergeni che sulle confezioni non sono stati dichiarati. Si parla in particolare di glutine non dichiarato in etichetta. Il ritiro riguarda le confezioni di Cipster Astuccio Saiwa da 85 grammi, la cui produzione è affidata a Mondelez Italia Biscuits Production Spa nello stabilimento di Capriata D’Orba, in provincia di Alessandria.

Il ritiro riguarda la presenza di glutine da frumento nonostante sull’etichetta delle patatine fosse chiaramente riportata la scritta “Senza Glutine”. Proprio per questo motivo si invitano i consumatori, specie quelli intolleranti al glutine o allergici al frumento, a prestare attenzione sia per quel che riguarda le confezioni di Cipster già acquistate, sia le prossime. Bisogna fare attenzione soprattutto alla data di scadenza, in quanto le confezioni incriminate sono quelle riportanti scadenze minime di conservazione al 31/10/2018. 30/11/2018, 31/12/2018 e 31/01/2019.

Per qualsiasi chiarimento e/o segnalazione ci si può rivolgere al numero verde Mondelez Italia, raggiungibile al 800055200. Il prodotto può comunque essere consumato senza problemi da chi non dovesse avere alcun tipo di problema col glutine e col frumento.

Il richiamo si è reso necessario per via del fatto che le persone intolleranti al glutine e/o al frumento, consumando appunto le patatine incriminate, potrebbero andare incontro a problemi di salute. Gli affetti dal morbo celiaco potrebbero riscontrare irritazione e infiammazione della mucosa intestinale, fino a ravvisare problemi di tossicità e danni piuttosto seri.

Ricerca personalizzata