Sanremo 2014, pochi brani spiccano per originalità. Tante le polemiche

Il criticato Festival di Sanremo giunge finalmente alla prima puntata. Responsabile della puntata è Pif che documenta la storia della città ospite della kermesse della musica italiana.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=kQXHtXIr5cA[/youtube]

Il sipario si inceppa e da lì è tutta salita: il Festival di Sanremo 2014 comincia con la voce di due uomini aggrappati alle illuminazioni dell’Ariston che minacciano il suicidio se non verranno ascoltati.
Un episodio simile è accaduto nel lontano 1995, quando l’allora conduttore Pippo Baudo salvò il disoccupato Pino Pagano che si stava lanciando da una balaustra della galleria. Da quell’episodio, il disperato diventò famoso, tanto che incise album e comparì in diverse serate.
La situazione è stata colta da Fazio con una leggerezza tale da far supporre ai più che si trattasse di un subdolo meccanismo per accendere l’attenzione su un festival giù di tono a causa dei cantanti poco appetibili. L’intervento è stato virato verso l’esibizione di Luciano Ligabue in occasione del compleanno di Fabrizio De Andrè, dove si è esibito nel brano Crêuza de mä.

Lucianina Littizzetto entra circondata da paillettes e boa di struzzo rosa, con una ilarità sublime che ha risollevato gli animi.
La sua letterina è stato il momento più bello dei primi minuti del Festival.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=C5qzZ4PPdjs[/youtube]

Iniziano le esibizioni: Arisa apre le danze con i suoi due brani, Lentamente, il primo che passa e Controvento. Il televoto promuove la seconda canzone, annunciata da Tito Stagno, la voce che ha raccontato dello sbarco sulla Luna nel lontano 1969.
Segue ad esso i brani di Frankie Hi Nrg, L’uomo è vivo e Pedala: tra le due è stata scelta la metafora della vita e della bicicletta, Pedala, dalle due bellissime tuffatrici Cagnotto e Dallapè.

Un siparietto tra Laetitia Casta e Fabio Fazio ha preso buona parte dello show, nonostante la scarsa intonazione della francese sulla nostra Nel Blu dipinto di Blu. L’impressione che si ha è quella di fare uno spettacolo tutto intorno all’artista e non a Sanremo: non è stata una esibizione, ma canto, ballo e recitazione insieme.
Non è mancato l’omaggio a Enzo Jannacci, scomparso nel 2013, da parte del figlio del cantante e dal conduttore.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=N2bUIp8YvLY[/youtube]

Tocca a un gradito rientro presentare a Sanremo i suoi brani: Antonella Ruggiero. Quando Balliamo e Da Lontano trovano un buon riscontro dalla critica. A contendersi il podio è Da Lontano, presentato dal pallavolista Amauris Perez.

Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots, stupiscono con una ventata dance-jazz. Liberi o No e Tanto ci sei portano un po’ di movimento, segno che lo strano mix dei due generi funziona. Liberi o No passa alla fase di giovedì 20, annunciati dal professore Naldini, esperto nelle terapie geniche.

Il momento internazionale si ha con l’artista più italiana di tutte, Raffaella Carrà, che ha colto l’occasione per cantare brani tratti dal suo nuovo album. Non manca un siparietto con l’imprevedibile Littizzetto che la imita travestendosi con uno degli abiti della cantante e duettando con lei in Fatalità. Dopo un omaggio floreale, il caschetto biondo della tv lascia il palcoscenico a Cristiano De Andrè. Invisibili e Il cielo è vuoto sono due strabilianti canzoni d’autore. Passa il turno Il cielo è vuoto, annunciata dalla bellissima Cristiana Capotondi. Le due canzoni se la sono giocata molto bene, 48% contro 52%. Il popolo del web aveva eletto Invisibili come papabile per andare avanti con la competizione.

I meno noti tra i big, I Perturbazione, si fanno spazio tra il pubblico con la loro L’Unica e la particolare L’Italia vista dal bar. L’Unica supera il turno, presentata da Massimo Gramellini. Bella la poesia dedicata alla kermesse, semplice ma ricca di significato.

Yusuf Cat Stevens è l’ospite internazionale della prima puntata di Sanremo 2014. I suoi brani struggenti hanno colpito la platea che ha ringraziato l’artista con un lungo, scrosciante applauso. Ne è seguita un’intervista molto profonda sul modo di cantare e su come si trovano le ispirazioni per la scrittura. La sua Father and Son ha portato alla standing ovation del teatro Ariston.

Giusy Ferreri è l’ultima artista in gara per questa prima puntata. Presenta L’amore possiede il bene e Ti porto a cena con me. L’ultimo ospite della serata è Marco Bocci, splendido nel suo smoking. annuncia che Ti porto a cena con me passa il turno.

Appuntamento a domani, 19 febbraio, con i restanti sette big in gara e con i loro inediti tutti da scoprire.

Ricerca personalizzata