Scandalo Jerome Kervier, prossimamente nelle sale cinematografiche

Una delle notizie più discusse del 2008, lo scandalo finanziario che ha coinvolto e sconvolto le banche francesi del gruppo Societé Generale, torna nuovamente sotto i riflettori. E proprio di riflettori si tratta, dato che la storia del trader francese Jerome Kervier, il protagonista dello scandalo, sarà narrata dal regista Christophe Barratier in un nuovo thriller prossimamente in uscita nelle sale cinematografiche.

Jerome Kervier era un giovane ma promettente trader impiegato presso il gruppo bancario Societé Generale. A gennaio del 2008 è stato però accusato dai vertici della banca francese di essere il responsabile di una perdita pari a 4,9 miliardi di euro, e per questo è stato condannato a cinque anni di prigione, nonché a risarcire Societé Generale dell’intero importo. Il turbamento propagatosi fra le banche francesi e internazionali, nonché il processo e la severità della pena, equivalente a un ergastolo finanziario, lo hanno reso una delle notizie più discusse in ambito non solo economico ma anche mediatico.

Christophe Barratier, già regista de I ragazzi del coro, ha conosciuto personalmente il giovane Jerome Kervier nel novembre 2011, durante una cena. Da quell’incontro si appassionò al caso del trader, decidendo di raccontarne la storia. Liberamente ispirato al libro L’engranage (L’ingranaggio) scritto dallo stesso Kervier, nonché alle frequenti consulenze con il medesimo, il film di Barratier e Laurent Turner, lo sceneggiatore, si concentrerà maggiormente sul week-end 18-19 gennaio 2008, quando il giovane fu convocato nella sede di Societé Generale alla Defense di Parigi e informato del suo allontanamento immediato.

Sarà Arthur Dupont, giovane attore alle prese con le sue prime apparizioni cinematografiche, a vestire i difficili panni del protagonista. Barratier ha spiegato la sua scelta affermando che era necessario un volto poco conosciuto affinchè il pubblico potesse immedesimarsi nella vicenda dell’allora sconosciuto trader divenuto il protagonista di uno dei più grandi scandali finanziari.

Dopo la recente uscita de Il Quinto Potere, il film su Assange e WikiLeaks, ecco un nuovo scandalo trasposto sul grande schermo, che promette di raccontare il dramma di centinaia di investitori sotto forma di un thriller accattivante e, sperano i produttori, di successo. L’inizio delle riprese del lungometraggio, il cui titolo francese sarà Avis de tempête (Avviso di tempesta), è previsto per giugno 2014.

Ricerca personalizzata