Schumacher, compleanno di speranza: il mondo abbraccia il suo campione

“Auguri Michael, ma il regalo oggi ce lo devi fare tu!” Recita così uno striscione apparso sotto l’ospedale di Grenoble dove il 7 volte campione del mondo di Formula 1 Michael Schumacher, che proprio oggi compie 45 anni, è ricoverato ormai da 6 giorni a seguito di un terribile incidente sugli sci a Meribel il 29 dicembre scorso. Il destino ha, dunque, trasformato quello che doveva essere un giorno di grandi festeggiamenti nell’ennesima giornata in attesa di sviluppi positivi circa la situazione clinica di Schumi, che continua ad essere mantenuto in coma farmacologico in attesa che l’edema cerebrale, conseguenza del violento schianto contro una roccia, si riduca.

L’occasione del compleanno del pilota tedesco ha dato a tutti i suoi tifosi, in particolare a quelli della Ferrari che non potranno mai scordare i 5 titoli mondiali vinti (dopo un’attesa di oltre 20 anni), il modo di dimostrare il proprio sostegno: i club di tutta Italia, specialmente quelli provenienti da Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna, hanno organizzato una marcia silenziosa sotto il nosocomio francese. Le numerose persone accorse (si parla di circa 200 persone già presenti alle 10 del mattino), tutte rigorosamente vestite di rosso, hanno voluto far sentire così la loro vicinanza alla famiglia del campione di Kerpen.

Anche la rete non ha fatto mancare il suo sostegno a Schumi: oltre agli innumerevoli messaggi comparsi da parte di colleghi, amici e personaggi dello sport e non tramite i social network, non poteva mancare questo importante appuntamento il sito della Ferrari. La casa di Maranello, nell’augurare auguri doppi al pilota tedesco (di buon compleanno e di una pronta guarigione), ha postato sulla propria pagina ufficiale una serie di immagini celebrative degli anni di Schumacher in rosso, per un totale di 72. Il numero non è casuale, corrisponde infatti, al numero dei Gran Premi vinti dal campionissimo al volante della Rossa.

Per oggi non sono stati diramati nuovi bollettini medici e, fanno sapere dall’entourage di Schumacher, sarà così fino a quando non ci saranno sviluppi, positivi o negativi, circa il quadro clinico. Per ora, naturalmente, permane la prognosi riservata, con il paziente ancora in stato di coma indotto. Al capezzale di Schumi sostano ininterrottamente ormai da giorni, oltre alla famiglia, il padre Rolf, il fratello Ralf ed il presidente della FIA nonché suo Team Principal negli anni in Ferrari, Jean Todt.

Ma mentre il mondo si stringe intorno al campione in difficoltà, montano le polemiche per alcune immagini, apparse su internet, di Hamilton prima e Barrichello poi in vacanza; fin qui nulla di strano se non si considera il fatto che le foto che i due piloti hanno voluto postare tramite Instagram li ritrae sorridenti sulla neve. Una caduta di stile che i perbenisti di tutto il mondo non hanno perdonato è che, quantomeno, stona nel momento in cui un loro grande collega (forse il più grande di ogni tempo) lotta sospeso tra la vita e la morte proprio a causa di una caduta sugli sci. Resta la buona fede di entrambi, che hanno provato a giustificarsi pubblicamente (“era una vacanza prenotata da mesi”, ha fatto sapere tramite Twitter da Park City Barrichello), ma la mancanza di tatto è stata evidente in un momento delicato come questo.

Polemiche a parte, il mondo continua a restare con il fiato sospeso nell’attesa che, dopo giorni di trepidazione, finalmente da Grenoble giungano notizie positive circa lo stato di salute del campionissimo. Nella speranza di tutti che il suo 46esimo compleanno Schumi lo possa festeggiare in mezzo a tutta la gente che oggi prega e spera per lui.

Barrichello sorridente con la famiglia a Park City Lewis Hamilton si gode la neve con il suo cane

Ricerca personalizzata