Sochi: Michel Mulder, urlo orange nel pattinaggio, podio tutto olandese

Il palaghiaccio russo è terra di conquista olandese. Alla prima vittoria di giornata di Ireen Wust nei 3000m femminili, ha fatto eco una sfida tutta arancione: un’altra tripletta per gli orange sui pattini, dove cambiano gli interpreti e le distanze, ma il verdetto finale è sempre un trionfo.

Primo Michel Mulder, secondo Jan Smeekens, terzo Ronald Mulder.
Michel Mulder, campione del mondo in carica, ha completato le due manche sui 500m dell’anello russo in 69″31, precedendo di un solo centesimo il connazionale Smeekens, che ha conquistato così l’argento, pur facendo trapelare un umanissimo momento di delusione all’ufficializzazione del risultato che gli ha negato l’oro per un soffio.
A suggellare una giornata memorabile per lo sport olandese è arrivato il terzo posto dell’altro Mulder, Ronald, che ha completato un podio monocromatico, come era accaduto nei 5000m di sabato.

Alle piazze d’onore, nipponici e coreani con distacchi nell’ordine del mezzo secondo. Per gli italiani, una prova incolore: 28simo Mirko Nenzi e 31simo David Bosa.

Il podio
1° Michel Mulder (Olanda) 69″31
2° Jan Smeekens (idem) +0.01
3° Ronald Mulder (idem) +0.15

Ricerca personalizzata