Verdura di stagione: cosa acquistare a giugno

Che la verdura fresca e di stagione sia la migliore e la più salutare è cosa di certo risaputa, ma come sceglierla? Oggi riuscire a seguire la stagionalità degli alimenti è diventata una cosa molto più difficile di quello che era un tempo, in quanto coltivazioni in serra, sistemi di conservazione e importazioni hanno permesso la disponibilità di avere tutto in qualsiasi periodo dell’anno.

Ma vediamo nel dettaglio le verdure regine disponibili nel mese di giugno.

La melanzana, tipico alimento della gastronomia italiana, è di forma sferica o allungata: la prima è più dolce mentre la seconda ha un sapore che tende più al piccante, all’amaro. La sua buccia è principalmente di colore viola più o meno intenso ma c’è anche la variante dalla buccia bianca ed è un ortaggio ricco di fibre e sali minerali e dalle alte proprietà depurative. Al momento dell’acquisto sono da preferire quelle di medie dimensioni e con la buccia liscia, lucida e soda, senza grinze o ammaccature, particolari che sono indice di una giusta maturazione. Si conservano in frigo, nello scomparto frutta, per un massimo di 3 o 4 giorni. Per pulirle, basta togliere il picciolo e sbucciarle (se richiesto nella ricetta). Una volta tagliate è preferibile immergerle in acqua e sale, per eliminare il gusto amarognolo, e lasciarle riposare da 10 a 30 minuti. Sono ottime grigliate, fritte o al forno.

I peperoni, dalle simpatiche forme e dai tanti colori, sono ricchi di Vitamina A e C. Quelli di colore verde, di solito sono quelli che vengono raccolti ancora acerbi prima di prendere il colore rosso o giallo a seconda della varietà e sono i più piccanti. I peperoni rossi sono quelli più dolci, mentre i gialli sono in genere i più succosi e teneri. Quando si acquistano, particolare attenzione deve essere data alla buccia e al picciolo: la prima deve essere lucida, soda e senza ammaccature mentre il picciolo turgido e di un verde intenso. Si conservano in frigo, nello scomparto verdura, per un massimo di 3 o 4 giorni. Pulirli è molto semplice: basta eliminare il picciolo, lavarli e privarli dei semi e delle nervature interne bianche. Chi dovesse avere problemi a digerirli può eliminare la buccia abbrustolendoli usando uno spargi fiamma e poi avvolgendoli in un canovaccio umido per qualche minuto.

Le zucchine sono di forma cilindrica e un po’ allungata o rotondeggiante, di colore verde scuro e striato o verde chiaro e hanno polpa bianca e dall’elevato contenuto di acqua. Scarseggiano in vitamine e sono quasi del tutto prive di calorie ma in compenso sono ricche di sali minerali. Al momento dell’acquisto sono da preferire quelle di piccole dimensioni (povere di semi) e con la buccia liscia e tesa senza grinze o ammaccature. Si conservano in frigo per 3-4 giorni al massimo ma essendo facilmente deperibili e quindi tendenti a perdere le loro caratteristiche organolettiche, è bene consumarle piuttosto presto.

Oltre a queste verdure, è possibile anche trovare piselli, fagiolini, carote, pomodori, asparagi, sedano, rucola e ravanelli.

Ricerca personalizzata