Afghano rimane 20 ore in un vano motore per raggiungere l’Italia

    Un giovane afghano di 18 anni è stato trovato rannicchiato nel vano motore di un auto guidata da due uomini di nazionalità bulgara, che lo hanno introdotto clandestinamente in Italia. I due conducenti, Ivaylo kaloyanov, di 24 anni, e Stanislava Georgieva, di 39 anni, sono stati incriminati dalla polizia di frontiera del porto di Bari per favoreggiamento dell’immigrazione.

    Le forze dell’ordine ha definito “disumane” le condizioni in cui ha viaggiato il ragazzo afghano, che è rimasto rinchiuso nel vano motore per oltre 20 ore. Il ragazzo è stato trovato dalla polizia durante la perquisizione della vettura, in stato di semi-incoscenza. Il 18enne ha raccontato di aver versato all’organizzazione criminale di cui fanno parte i due bulgari la somma di 6 mila uero per poter affrontare il viaggio verso l’Italia.

    Ricerca personalizzata