Arsenal-Napoli: Azzurri a Londra per la gloria, dubbio Higuain

Nemmeno il tempo di festeggiare la vittoria col Genoa, che è già tempo di pensare ad altro. E non è un altro qualsiasi. Domani sera all’Emirates Stadium, nuovo tempio del calcio mondiale, andrà in scena un Arsenal-Napoli che preannuncia spettacolo. Le due squadre sono in serie positiva dall’inizio della stagione: gli uomini di Wenger sono in testa da soli dopo cinque turni di Premier League (prima volta dopo più di cinque anni), ma gli azzurri non sono da meno, con una serie aperta di sette risultati utili consecutivi tra campionato e Champions (sei vittorie e un pareggio) e un attacco atomico, autore di 14 delle 16 reti realizzate complessivamente dalla squadra.

Entrambe hanno vinto la prima partita del girone, per cui il confronto diretto può già essere decisivo in ottica qualificazione. La truppa azzurra è partita stamattina per Londra con un dubbio riguardante Gonzalo Higuain: il “pipita” soffre del riacutizzarsi della piccola contrattura al polpaccio rimediata nell’ultima mezz’ora col Genoa, ma con tutta probabilità domani sarà tra gli undici titolari. Per lui Arsenal-Napoli è una partita dal sapore particolare, visto il grande interesse che proprio l’Arsenal aveva dimostrato nei suoi confronti quest’estate, quando il Real Madrid ha deciso di cederlo. La trattativa però non è andata a buon fine per fortuna del Napoli, e domani Higuain vuole dimostrare ad Arsene Wenger che non puntare su di lui è stato un grosso errore.

Anche in difesa dovrebbero esserci novità. Lo spagnolo Albiol ha recuperato e sarà in campo, al suo fianco partiranno con tutta probabilità Mesto, Zuniga e Britos. Ballottaggio Inler-Dzemaili al centro del campo, con il primo leggermente favorito, mentre sui lati i favoriti a una maglia da titolare sono Callejon e Insigne (con Hamsik al centro). Proprio del giovane talento napoletano ha parlato oggi Arsene Wenger, che si è detto preoccupato della capacità di ripartire del Napoli e della classe del folletto di Frattamaggiore.
Ecco le sue dichiarazioni: “Conosciamo bene la squadra di Benitez per averla affrontata in amichevole all’Emirates. E’ molto pericolosa nel contropiede. Giocatori come Callejon, Higuain, Hamsik ed Insigne sono bravissimi a far ripartire l’azione“. Poi ammette: “Mi ha impressionato Insigne. E’ rapido, ha un buon palleggio, vede bene il gioco e copre sessanta metri di campo. E’ un talento di grande prospettiva”

Per contrastare le ripartenze azzurre il tecnico francese si affida alla squadra tipo con Mertesacker e Koscielny centrali, Sagna e Gibbs sulle fasce e il ritrovato Ramsey (7 goal per il centrocampista in questo inizio di stagione) che affiancherà Flamini al centro del campo. Unica novità sulla fascia offensiva sinistra, dove molto probabilmente sarà schierato il talento classe 95 Gnabry, autore domenica del primo goal da professionista. Insieme a lui agiranno Ozil, Wilshare e il bomber Giroud, capocannoniere momentaneo della Premier.

Insomma, questo Arsenal-Napoli ha tutte le caratteristiche della partita da non perdere, appuntamento domani sera alle 20 e 45 per il calcio d’inizio.

[foto: sport.sky.it]

Ricerca personalizzata