Btp in calo, giù lo spread con i bund tedeschi

    Quella di ieri è stata la terza seduta consecutiva che ha visto il rendimento dei Btp italiani (i titoli di stato poliennali), in calo, rispetto alle sedute precedenti, qunado si è sfiorato uno spread massimo con i titoli tedeschi di ben 220 punti base, il top dall’introduzione dell’euro.

    Ieri, invece, lo spread è diminuito a 157-158 punti base, rispetto a 159 della seduta di giovedì, ma nel corso della giornata, il differenziale con i bund era sceso fino a 146 punti base, il minimo dal 2 novembre.

    Il calo sarebbe dovuto alla minore preoccupazione, sui mercati finanziari, riguardo a un allargamento della crisi irlandese.

    Forse, hanno anche giovato le voci della BCE, su un suo possibile acquisto dei titoli sotto pressione, per allentarne la spinta al rialzo dei rendimenti.

    I dati USA sull’occupazione, ancora al 9,8%, ieri hanno in parte rifatto aumentare lo spread tra btp e bund, dopo il minimo della mattinata.

    Positivi anche i dati sui titolo portoghesi, irlandesi e spagnoli.

    La BCE ha comprato titoli del Portogallo, ma c’è chi pensa anche spagnoli, anche se sembra improbabile.

    Ricerca personalizzata