Cronache da Atene: il calcio non è morto, Kalloni-OFI lo dimostra

Il teatro è la Grecia, precisamente lo stadio Olimpico di Atene. Non si parla delle prime olimpiadi dell’era moderna ma di un gesto semplice quanto importante nel panorama calcistico. In quello stadio un paio d’anni fa era stato sospeso uno dei derby più accesi d’Europa ovvero quello che vede scontrarsi Panathinaikos e Olympiakos, le due squadre più titolate di Grecia. Dicevamo, quel derby fu sospeso e mai più ricominciato per le intemperanze dei tifosi di casa. Molti sanno il clima che si respira nelle tifoserie greche: a volte le curve sembrano un inferno, spesso basta una semplice scintilla per far esplodere i tifosi più passionali.

Vedere per credere:

Ma un gesto ha fatto riaffiorare in Grecia la voglia di vivere il calcio come uno sport, un gioco, un momento di aggregazione. Sempre nello stadio Olimpico di Atene si gioca Kalloni-Ofi Crete, non è sicuramente una partita di cartello ma vale il passaggio agli ottavi di finale della coppa di Grecia. All’andata ha vinto la squadra ateniese, ma una rete di Perogamvrakis trascina le squadre ai supplementari. Gli ospiti trovano il gol qualificazione con Papazoglou. È una vittoria importante, i giocatori si abbracciano e ringraziano i propri tifosi. Sembra essere un normale epilogo per una semplice partita di calcio ma non è finita qui, il meglio deve ancora venire.

Rientrate le squadre negli spogliatoi, i tifosi del Kalloni hanno raggiunto la tifoseria ospite. Non per scontri, regolamenti di conti o insulti ma solo per scambiarsi strette di mano, abbracci e complimenti. I tifosi cretesi sono stati lieti di questo trattamento e il confronto è continuato tra sciarpe scambiate e fotografie ritraenti i supporters di entrambe le compagini abbracciati o comunque vicini.

Questo è lo spirito del calcio che vorremmo vedere sempre, anche in Italia. Ma soprattutto in Grecia grazie a questo gesto, le immagini di quel derby sospeso sono sempre più sbiadite anche se sono solo di un paio d’anni fa.

Ricerca personalizzata