Due ricette francesi

    Chi dice che i francesci non sanno cucinare?Suvvia diamogli un’oppurtunità, che ne direste di provare queste due ricettine?Scopriamo insieme i lati buoni della cucina francesce! 🙂

    RATATOUILLE

    Ingredienti

    • peperoni (possibilmente di colori diversi)
    • cipolle (meglio se rosse)
    • zucchine
    • melanzane (del tipo privo di semi)
    • aglio
    • basilico (foglioline)
    • polpa di pomodoro o pomodori pelati (opzionale)
    • foglioline di basilico
    • pepe (opzionale)
    • capperi (opzionale)
    • sale da cucina
    • olio di oliva
    • vino bianco secco

    Preparazione
    Dati i tempi diversi di cottura, specialmente fra i peperoni (che richiedono il tempo maggiore, in quanto a fine cottura non devono più essere croccanti ma appena afflosciati) e le melanzane (il cui tempo di cottura deve essre tale da evitare che si disfino), si dovrebbe procedere a cuocere separatamente peperoni (con le cipolle), zucchine e melanzane per poi mescolare e portare in tavola. Tuttavia è preferibile cuocere tutto insieme procedendo come segue: si valuta il tempo di cottura dei peperoni, quello delle zucchine e quello delle melanzane, si pongono a cottura i peperoni e, quando il tempo rimanente per la loro cottura è pari a quello di cottura delle zucchine si aggiungono queste ultime ed analogamente si procede poi per le melanzane (con o senza pomodoro), fino a che la cottura di tutti i componenti è correttamente e conformemente ultimata.

    I peperoni vanno lavati, mondati della parte interna, tagliati a strisce larghe 3 o 4 centimetri alla base ed a loro volta suddivise in tre o quattro parti; le cipolle, sbucciate, vanno tagliate a rondelle non troppo sottili (qualche millimetro); le zucchine, mondate e lavate, vanno taglie anch’esse a rondelle; le melanzane, lavate e mondate accuratamente di eventuali semi, vanno tagliate a piccoli tocchi comprendenti la buccia.

    Porre in padella (ma meglio in una terrina pirofila che consente una cottura più lenta e graduale e può eventualmente essere portata direttamente in tavola a cottura ultimata) abbondante olio di oliva e qualche spicchio di aglio intero mondato della pellicina e schiacciato. Appena l’aglio imbiondisce deve essere tolto e si aggiungono i pezzi di peperone (la buccia a contatto con il fondo della padella) in modo da formare un letto, sul quale si adagiano le rondelle di cipolla (in quantitativo tale da non coprire completamente i peperoni).

    Giunto il momento, aggiungere le zucchine a rondelle e successivamente le melanzane a tocchi. Se si decide di utilizzare la polpa di pomodoro (od i pelati), questa va aggiunta con le melanzane ma in quantità tale che il gusto del pomodoro non mascheri completamente quello delle altre verdure. Salare con sale grosso da cucina e rimestare il tutto. Proseguire la cottura fino al termine, aggiustare eventualmente la salatura con sale fino, mescolare aggiungendo, se gradito, un po’ di pepe macinato, guarnire con foglie fresche di basilico e servire in tavola.

    La cottura va seguita attentamente poiché, specie nella prima parte con soli peperoni e cipolle, può facilmente succedere che i peperoni attacchino al fondo della padella e la cipolla assuma il color bruciacchiato, conferendo uno sgradevole gusto al tutto. Ad evitare ciò, aggiungere, in qualunque fase si riscontri una diminuzione eccessiva del succo di cottura, vino bianco secco quanto basta ad evitare l’inconveniente lamentato. Questo contorno può anche essere consumato freddo ed in tal caso può essere opportuno aggiungere, prima di servire, una manciata di capperi mondati dal sale o sgocciolati se sott’aceto.

    Vi propongo la torta Tatin alle pere.

    La Tatin è la famosa torta di mele francese che si ottiene cuocendolo alla rovescia, cioè con quello che diventerà il sopra al di sotto, e questa ricetta propone una golosa variante con le pere. Perfetta per concludere una cena raffinata o per viziare i vostri amici durante una pausa caffè o anche the!

    Ingredienti per la torta Tatin alle pere (dosi per 6 persone)

    * 1 rotolo di pasta sfoglia o di pasta briseé a forma rotonda

    * 1 kg. di pere sode ma mature e grandi dalla forma allungata e regolare

    * 4 cucchiai di zucchero

    * 1 bustina di zucchero vanigliato

    * un noce di burro

    Preparazione

    • Preriscaldate il forno a 200 gradi.
    • Pelate le pere, tagliatele in quattro parti oppure a metà, ed eliminate il torsolo ed i semi.
    • Fate fondere il burro in una capace padella e poi fateci dorare le pere.
    • Distribuite lo zucchero e lo zucchero vanigliato sul fondo di una teglia. Disponeteci sopra le pere cercando di fare un disegno armonioso, poi ricoprite con la pasta sfoglia o briseè facendo rientrare in bordi all’interno della teglia.

    Cuocete per 10 minuti nel forno caldo a 200 gradi, poi abbassate a 150 gradi e cuocete per altri 20 minuti. Sorvegliate comunque la cottura per evitare che la pasta si bruci e in tal caso coprite con un foglio di alluminio.

    Togliete la teglia dal forno, metteteci sopra un piatto da portata (vi suggeriamo leggermente più grande), e con destrezza dopo aver protetto le mani con dei guanti da forno rivoltatela. Aspettate qualche minuto e poi togliete la teglia. Servite tiepido o a temperatura ambiente.

    Ricerca personalizzata