E' morto Leslie Nielsen, eroe del cinema demenziale

    Se ne è andato Leslie Nielsen, l’irresistibile detective Drebin di Una pallottola spuntata, è morto ieri in Florida, all’età di 84 anni. Ad ucciderlo sono state le complicazioni di una polmonite.

    L’attore canadese, naturalizzato americano, è l’icona stessa del cinema demenziale americano degli anni Ottanta e Novanta. Prima di trovare la sua “vocazione” comica, Nielsen, fratello del politico Erik Nielsen (primo ministro del Canada dal 1984 al 1986) e nipote dell’attore premio Oscar Jean Hersholt, recitò in film drammatici e di fantascienza, come Il pianeta proibito (1956) a L’avventura del Poseidon (1972). Poi la svolta demenziale. Oltre alla celebre trilogia poliziesca iniziata nel 1988 Una pallottola spuntata, potrete ricordarlo ne L’aereo più pazzo del mondo, del 1980, film che fa il verso alle pellicole catastrofiche. In Italia è apparso in S.P.Q.R. 2000 e ½ anni fa (1994), di Carlo Vanzina.

    Più di recente, si era dedicato a impegni professionali più seri al doppiaggio e al teatro, ma un’istituzione del genere parodistico come lui non poteva mancare nella recente e fortunata serie Scary movie, dove compare nel terzo e nel quarto episodio della fortunata serie diretta dall’amico e “mostro sacro” del cinema demenziale americano David Zucker.

    A renderlo irresistibile quella chioma bianca da vecchio savi e i modi assolutamente assennati destinati a infrangersi in una lampo nella follia del suo sguardo, nel non sense e nei comportamenti assurdi dei suoi personaggi. Addio Leslie, vogliamo salutarti con il tuo indimenticato sketch “Che bella topa!”.

    [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=SPXM4f-Ou6A[/youtube]

    Ricerca personalizzata