Elezioni Regionali Sicilia, vince l’astensionismo: Crocetta in testa, buon risultato dei grillini

Il dato certo al momento è il forte astensionismo: alle Elezioni Regionali della Sicilia hanno votato meno del 50% degli aventi diritto. Più di un siciliano su due in pratica ha deciso di non recarsi alle urne, con l’affluenza che si è fermata al 47,42% con un netto calo rispetto alle ultime elezioni amministrative del 2008, quando andarono a votare il 66,68% di elettori.  In quel caso però si votò in due giorni per la contemporaneità con le elezioni politiche.

Le Regionali in Sicilia sono elezioni a turno unico: sarà eletto presidente della Regione il candidato che otterrà il maggior numero di preferenze insieme a 89 deputati regionali.

Affluenza a parte, dopo circa 400 sezioni scrutinate su oltre 5000, in testa c’è Rosario Crocetta candidato di Pd, Udc, Api e Psi con il 32,70%; al secondo posto in questo momento c’è Sebastiano Musumeci (Pdl, La Destra, Cantiere popolare e Adc), con il 25,7%, seguito da Micciché (Partito dei Siciliani – Movimento per le autonomie (Mpa), Grande Sud,  Futuro e libertà per l’Italia (Fli) – Nuovo Polo
Ppa – Piazza Pulita) con il 16,2%.

Meno bene rispetto ai primi exit poll invece il candidato del Movimento 5 stelle, Giovanni Cancelleri che si ferma attualmente al 15,5%: inizialmente sembrava che i grillini potessero anche arrivare a contendere la vittoria a Crocetta, cosa che invece i dati attuali indicano come altamente improbabile. Nonostante ciò, Grillo canta comunque vittoria parlando di ‘Boom 5 stelle’: secondo i risultati che arrivano dai seggi, Cancelleri avrebbe avuto un buon riscontro in termini personali, con gli elettori che hanno indicato il suo nome, scegliendo poi altre liste per l’assemblea regionale.

Ricerca personalizzata