Etienne Lavie: a Parigi no alla pubblicità, sì alle opere d’arte

Non capita tutti i giorni di potere ammirare per le strade di una metropoli degli spazi pubblicitari che rappresentino i capolavori dell’arte classica, moderna e contemporanea, a meno che non si stia promuovendo una mostra o un particolare evento culturale. L’artista, street artist e fotografo francese, Etienne Lavie ha deciso di cambiare volto alla sua città, Parigi, immaginandola priva di cartelloni destinati alle pubblicità e sostituendoli con dei dipinti famosi.

Il progetto, dal titolo “OMG chi ha rubato i miei annunci?”, intende mostrare ai passanti della capitale francese alcuni dei più importanti dipinti della storia facendoli rivivere su supporti solitamente occupati da slogan, immagini di prodotti in commercio e campagne pubblicitarie. La città di Parigi ha così cambiato volto, disseminata di quadri riprodotti su grande scala e mostrandosi, se possibile, ancora più bella.

Etienne Lavie, in varie zone di Parigi, ha eliminato alcuni messaggi pubblicitari sostituendoli con riproduzioni di dipinti classici del calibro di Pierre-Auguste Renoir e Camille Corot. La sua “incursione artistica” ha creato un’atmosfera ancora più suggestiva in questa splendida città, esaltandone anche parti assolutamente anonime come un sottopassaggio, uno scorcio di metropolitana o un angolo di marciapiede.

L’arte di per se valorizza qualsiasi ambiente, ma l’artista ha avuto l’eccellente idea di usarla in modo appropriato dandole un ruolo comune e contemporaneamente esaltandola, insegnando al passante a fermarsi per guardarla, magari in principio solo per curiosità, per poi fargliela scoprire senza imporla. La street art si allontana così dai suoi soliti schemi e fa sua l’arte classica appropriandosi di moderne cornici, come gli spazi pubblicitari nelle strade e nel metrò parigino.

L’intervento del creativo Etienne Lavie ricorda molto il progetto “Art Everywhere”, del 2011, che ha distribuito in tutto il Regno Unito, in più di 22 mila punti di affissione, 57 poster di opere d’arte raffiguranti i principali capolavori inglesi.

Anche in Italia l’iconografia classica si é appropriata degli spazi pubblicitari, nel centro storico di Rossano Città d’Arte, in Calabria, lo scorso mese di novembre 2013, dal 6 al 13, su iniziativa dell’associazione europea Otto Torri sullo Jonio insieme alla Facoltà di Arte dell’Università spagnola di Malaga, le vie principali del centro storico, per la prima volta, si sono trasformate in un autentico museo all’aperto. I dipinti famosi hanno preso il posto di cartelloni pubblicitari venendo apprezzati sia dai residenti, che dai numerosi visitatori, attratti dalla speciale iniziativa, che ha anticipato quella Francese in questa autentica forma di provocazione culturale.

Ricerca personalizzata