Giappone da oggi senza centrali atomiche attive

    A un anno dalla catastrofe nucleare di Fukushima il Giappone oggi spegnerà l’ultimo reattore nucleare ancora attivo. La disattivazione dei reattori è necessaria per la manutenzione, ma erano 42 anni che il Giappone non rimaneva senza reattori nucleari attivi. La Hokkaido Electric Power, una utility a nord di Hokkaido, ha iniziato la disattivazione dell’unità n.3 della struttura di Tomari, l’ultima centrale nucleare ancora attiva fra le 54 presenti nell’arcipelago. Il procedimento di disattivazione dovrebbe concludersi intorno alle ore 23:00 locali.

    La disattivazione dei reattori è di routine ogni 13 mesi per la manutenzione, ma le strutture che sono state disattivate in tutto il Giappone durante questi mesi non sono più state ritattivate, a causa delle forti proteste dell’opinione pubblica. Il processo di riavvio delle centrali, infatti, è previsto solo con il consenso espresso dagli enti locali.

    Ricerca personalizzata