Governo e imprenditori guardano a Dubai

    Continua la missione degli imprenditori italiani di Confindustria, coadiuvati dal governo, per conquistare nuove fette di mercato straniero; in particolare, ora l’attenzione si sta focalizzando sugli Emirati Arabi, che lanciano segnali di forte interesse, verso la nostra economia e l’eccellenza delle piccole e medie imprese italiane.

    La presidente di Confindustria Emma Marcegaglia fa notare come l’Italia sia il terzo Paese UE per interscambio, dopo Germania e Regno Unito, e come Dubai oggi rappresenti potenzialmente un’opportunità straordinaria di successo commerciale del nostro mondo imprenditoriale.

    E se i Ministri Romani, Urso e la stessa Marcegaglia ieri hanno partecipato alla Fiera Index, accanto al Ministro emiro Al Mansouri, questo è più di un segnale della reciproca volonta dei due paesi di intensificare gli scambi.

    Dubai, come è noto, è ormai da circa un decennio un’economia in fermento, e malgrado una fase di incertezza, dovuta alla crisi mondiale, e all’esposizione debitoria delle sue imprese, questo paese rappresenta un punto irrinunciabile per chiunque miri a conquistare spazi di mercato all’estero. La rapida crescita della sua economia, la ricerca continua dell’eccellenza e della qualità da parte degli investitori dell’emirato sono per noi una possibile manna dal cielo, che non andrebbe fatta sfuggire per nessun motivo, poichè l’Italia ha una storica vocazione al design, alla moda, al tessile, all’eccellenza e ai prodotti di alto livello e raffinatezza.

    Dubai è stato a torto qualche volta considerato il Paese del petrolio, poichè questo settore sempre meno incide sul suo PIL.

    E da Dubai si chiede già all’Italia di rendere possibile ai propri studenti avere opportunità di studio e stage nel nostro Paese.

    Insomma, il futuro è per noi pieno di opportunità. Non sciupiamole!

    Ricerca personalizzata