Hollywood sotto shock: è morto Philip Seymour Hoffman

Si è spento oggi Philip Seymour Hoffman. Uno degli attori di maggior talento della sua generazione, premio Oscar per l’interpretazione di Truman Capote in Capote (2006) è morto all’età di 46 anni.

Hoffman, che era nato nel 1967 a Fairport (New York) secondo il Wall Street Journal è stato trovato morto alle ore 11:15 locali (le 17:15 italiane) nel suo appartamento di Manhattan. Il quotidiano statunitense ha diffuso la notizia tramite il proprio profilo Twitter. Il New York Post, sempre tramite il social network, parla di stato di overdose.

L’attore newyorkese esordisce nel 1989, diplomandosi in arte drammatica. Il primo ruolo hollywodiano arriva nel 1992, quando prende parte a Scent of a Woman – Profumo di donna, film ricordato per aver regalato l’Oscar ad Al Pacino.
Durante negli anni ’90, la carriera di Hoffman subisce un’accelerazione, grazie a Boogie Nights, Il grande Lebowski, Happiness, Magnolia e Il talento di Mr. Ripley.

La fama di Hoffman inizia a varcare i confini continentali all’inizio degli anni 2000, quando Spike Lee lo sceglie per il suo capolavoro, La 25a ora, in cui l’attore futuro premio Oscar interpreta il ruolo del professore Jacob.
Pochi anni dopo arriva l’entrata nell’olimpo di Hollywood, con la già citata interpretazione dello scrittore Truman Capote, che gli vale l’Oscar come miglior attore protagonista. Successivamente, Hoffman avrà altre tre candidature: nel 2008 per La Guerra di Charlie Wilson, nel 2009 per Il dubbio e nel 2013 per The Master.

Philip Seymour Hoffman era sposato con la costumista Mimi O’Donnell, da cui ha avuto tre figli: Cooper Alexander, Tallulah e Willa.

Hollywood è sotto shock: se ne va uno degli attori più bravi e carismatici della sua generazione.

Ricerca personalizzata