I pisani “Gatti Mezzi”

    Gruppo che nasce come duetto nei vicoli di una Pisa descritta come ambiente surreale e dai contrasti misteriosi. Francesco Bottai, chitarra e voce, e Tommaso Novi, pianoforte, voce e fischio, rappresentano nella loro Pisa alcune delle più inspiegabili metafore del mondo. Non poteva mancare la solita rivalità con i livornesi, presente spavaldamente o a volte nascosta in maniera velata in molti dei loro testi. L’ironia accompagna l’autoproduzione del loro primo album “Anco alle puce ni viene la tosse” e dopo questo primo disco il gruppo prende forma con gli innesti di Matteo Consani alla batteria e Matteo Anelli al contrabbasso.

    Tonalità jazz anni ’50 unite ad un buon blues, il tutto inserito in un ambito amarcord certamente non casuale, per riscoprire alcuni lati del passato abbandonati troppo spesso ed in maniera superficiale. I Gatti Mezzi sono un gruppo fortemente caratterizzato che probabilmente deve il suo nome “Gatti Mezzi” al forte legame che hanno i componenti con l’amato alcool. Nel passaggio verso il grande pubblico li aspetta una nuova sfida, quella del trasmettere ogni tono del vernacolo pisano in maniera comprensibile anche ai forestieri.

    Ricerca personalizzata