Il Napoli vola in finale, la Roma affonda al San Paolo: 3-0

Il Napoli vola e sogna il bis di Coppa Italia dopo la vittoria del 2012 ai danni della Juventus. La Roma deve dire addio al sogno della “stella d’argento” dopo la netta sconfitta incassata nell’impianto di Fuorigrotta.

Rispetto alla partita di Roma, Benitez lascia in panchina Insigne e schiera Mertens, Hamsik e Callejon alle spalle di Higuain, Ghoulam prende il posto dello spaesato Reveillere sulla fascia difensiva mancina. Rudi Garcia non rischia l’acciaccato Maicon e manda in campo Bastos spostando Torosidis sulla fascia destra, il tridente offensivo è formato da Ljiajic, Destro ed il solito Gervinho.

Dopo una grande parata di Reina su zampata ravvicinata di Destro, il Napoli prende campo. La Roma sembra avere un atteggiamento catenacciaro: grande attenzione in fase difensiva, quasi tutti gli uomini schierati dietro la linea della palla e veloci ripartenze con le due ali del tridente. Il Napoli prova ad imporre il suo gioco ma fatica ad arrivare in area di rigore, Hamsik ci prova da fuori ma il sinistro è fuori misura. I giallorossi pungono ma non sono cinici, i terzini soffrono la verve degli esterni azzurri e al 33′ dopo un’ingenuità di Bastos prima e di Benatia poi, Callejon insacca con un colpo di testa su un preciso cross di Maggio. I capitolini accusano il colpo e fino al duplice fischio di Rocchi non riescono ad impensierire la compagine partenopea che sfiora il raddoppio con Hamsik ma il pallonetto dello slovacco si perde sul fondo.

Si ricomincia senza cambi e la musica non cambia. Callejon e Higuain fanno ammattire la difesa giallorossa: prima lo spagnolo si fa respingere la conclusione in angolo da De Sanctis poi l’argentino, sugli sviluppi del tiro dalla bandierina, incorna da pochi passi facendo esplodere per la seconda volta il San Paolo. La Roma è frastornata, Garcia manda in campo Maicon per Torosidis ma è ancora il Napoli a colpire: passaggio filtrante perfetto di Mertens, Bastos non sale e tiene in gioco Jorginho che tutto solo manda alle spalle di De Sanctis, al 51′ è 3-0.

I giallorossi provano a riorganizzarsi, entrano anche Florenzi e Totti al posto di un irritante Ljajic e del bosniaco Pjanic. Visto il risultato largamente a favore del Napoli, l’inerzia del match cambia: adesso è la Roma a fare la partita, alla ricerca dei gol che riaprirebbero il discorso qualificazione mentre gli uomini di Rafa Benitez agiscono in contropiede negli ampi spazi della metà campo romanista.

Gervinho e compagni cercano di gettare il cuore oltre l’ostacolo ma peccano di lucidità in fase di conclusione, Destro ha due buone opportunità ma le spreca entrambe in malo modo. Ad un quarto d’ora dal termine, Hamsik (in netta crescita) lascia il posto a Behrami ma la partita praticamente si chiude con l’espulsione di Strootman, reo di aver applaudito ironicamente il direttore di gara dopo un intervento falloso su Callejon. C’è ancora il tempo per uno spunto di Insigne (entrato per Higuain), che sfiora il poker e per l’esordio del neo acquisto Henrique in maglia azzurra.


Le pagelle:

NAPOLI

Reina 7
Ghoulam 6
Fernandez 6,5
Albiol 6,5
Maggio 6,5
Jorginho 7
Inler 6,5
Mertens 7
Hamsik 6,5
Callejon 7
Higuain 7,5

Behrami 6
Insigne 6
Henrique sv

All.Benitez 7

ROMA

De Sanctis 6,5
Bastos 5
Castan 5,5
Benatia 5,5
Torosidis 5
De Rossi 5,5
Pjanic 5,5
Strootman 5,5
Ljajic 4,5
Gervinho 5
Destro 5

Maicon 6
Florenzi 5
Totti 5,5

All.Garcia 5,5

Ricerca personalizzata