La Rai vince il primo round: respinto il ricorso di Minzolini per tornare al Tg1

    E’ stato respinto il ricorso presentato ex articolo 700 (procedura d’urgenza) da Augusto Minzolini, allo scopo di ottenere il reintegro come direttore del Tg1. I legali del giornalista attendono ora le motivazioni della sentenza, disponibili da domani, per decidere il da farsi, come spiegato alla stampa dagli avvocati Federico Tedeschini e Nicola Petracca: “Una volta lette le 25 pagine della motivazione valuteremo se fare reclamo contro tale decisione che non entra nel merito della vicenda ma si limita solo a negare la sospensione in via d’urgenza del provvedimento della Rai”.

    Minzolini era stato allontanato dalla sua posizione in seguito ad una decisione presa a maggioranza dal Cda della Rai, dopo il procedimento penale per peculato avviato a carico del giornalista dalla Procura di Roma, relativamente a spese non autorizzate effettuate con la carta di credito aziendale.

    La vertenza mira a sostenere l’inapplicabilità al caso specifico della legge n. 97/2001, riguardante i dipendenti della Pubblica Amministrazione, degli Enti Pubblici e degli Enti a prevalente partecipazione pubblica. Prima della decisione, il giudice Giovanni Mimmo aveva già aggiornato l’udienza, invitando più volte le parti a valutare la possibilita’ di una soluzione concordata. Il primo round va quindi alla Rai, ed alla direzione del Tg1 resta Alberto Maccari. Sulla vicenda arriva il commento a caldo del segretario dell’Usigrai, Carlo Verna, che ora auspica una discontinuità sul piano editoriale con Maccari: “Il Tg1 ora volti davvero pagina, la sua più brutta pagina… senza il recupero dei colleghi emarginati dalla precedente gestione il sindacato non darà tregua”. Ma l’ultima parola sulla sorte del “Direttorissimo” sarà stata detta?

    Ricerca personalizzata