Mercato 2014, apertura domani: colpo Napoli, duello per D’Ambrosio

Mercato, si parte. Scatterà ufficialmente domani la sessione invernale tra contratti solo da depositare, acquisti da limare, e sogni destinati a divenire veri e propri tormentoni da qui fino al 31 gennaio, quando il calciomercato chiuderà i battenti alle ore 23.

GIA’ CERTIRami e Honda al Milan, Lodi al Catania, Benalouane all’Atalanta. Sono questi i primi contratti che saranno depositati domani in Lega, frutto di trattative concepite e concluse già nell’anno vecchio. Ha bruciato i tempi, nel vero senso della parola, Adriano Galliani bloccando i suoi due acquisti in autunno. Rami, dopo il furibondo litigio di Valencia con l’ex tecnico Djukic, si allena al Milan da ottobre. Honda, conclusa a dicembre la sua avventura in Russia, si è allenato a Natale in Giappone e sbarcherà in Italia sabato, giusto in tempo per programmare un esordio in tempi brevi, verosimilmente contro il Sassuolo, a Reggio Emilia, il 12 gennaio.

IN DIRITTURA D’ARRIVO – Il Napoli e Maxime Gonalons non sono mai stati così vicini. Accordo tra partenopei e Lione già raggiunto da tempo sulla base di 12 milioni di euro: si attende il sì del giocatore che, stando a fonti vicine al club azzurro, non dovrebbe tardare ad arrivare dopo l’ultimatum di De Laurentiis. 2 milioni scarsi a stagione per 4 anni. Dopodiché il Napoli si tufferà alla ricerca di un difensore capace di innalzare il livello qualitativo di un reparto apparso spesso in affanno: N’Koulou del Marsiglia il primo nome in lista.

TORMENTONI MILANESI – Guarin, Lavezzi/Lamela, Criscito su sponda nerazzurra. Nainggolan su sponda rossonera. I discorsi sono avviati da un pezzo. Il centrocampista del Cagliari, ad esempio, si è promosso al Milan, dopo essere stato vicino all’Inter. Nelle prossime ore, di rientro dal soggiorno brasiliano, Galliani offrirà 7 milioni di euro più la metà di Cristante all’amico Cellino per prelevare, in comproprietà, il corteggiatissimo belga. Un’offerta che, stando alle indiscrezioni, potrebbe risultare finalmente quella giusta. E l’Inter? Guarin al Chelsea si è solo raffreddato, ma è destinato a ripartire. Lavezzi ha detto no, Lamela attenderà i prossimi match in Premier per convincersi delle reali fondamenta delle sue esclusioni al Tottenham. Criscito è solo l’ultima idea per la corsia sinistra. Piace a Mazzarri, si farà a determinate condizioni.

D’AMBROSIO, CHE INTRIGO – Il Milan ha perso terreno, la Roma avanza, l’Inter osserva senza darsi per sconfitta. Giallorossi in pole? Di poco. Nelle prossime ore Sabatini incontrerà il Torino per sferrare l’assalto decisivo al terzino, che andrà via subito in virtù di un contratto in scadenza a giugno. Caprari l’uomo giusto in favore delle velleità giallorosse, l’ex Mudingayi la possibile mossa sul fronte Inter per convincere il Toro e rimodificare le gerarchie. Un duello avvincente destinato a scaldare il mercato.

Ricerca personalizzata