Moody’s avvisa il Portogallo

    L’agenzia di rating Moody’s minaccia di declassare il rating del Portogallo sul suo debito sovrano.

    E’ l’ennesima minaccia e declassamento verso un Paese, che in questi ultimi mesi, vive l’angoscia di ritrovarsi a essere un’altra Grecia o Irlanda.

    Moody’s non mette in dubbio la solvibilità del debito lusitano, ma nutre preoccupazioni riguardo alla sostenibilità dei prezzi, con cui potrebbe essere costretto a finanziarsi nel breve termine.

    Infatti, l’economia portoghese viene considerata debole e poco vitale, e le misure di austerità adottate dal governo, con tagli alla spesa pubblica e aumento delle imposte, potrebbero, secondo l’agenzia, avere effetti negativi proprio sull’andamento della crescita. Se ciò si verificasse, si avrebbe una ripercussione sulle entrate fiscali, quindi, una prolungata necessità per il Portogallo di finanziare un debito crescente, a tassi che, inevitabilmente, sarebbero più alti.

    Altro motivo di preoccupazione sarebbe la limitata capacità del governo di sostenere le banche in difficoltà, a causa dei limiti di bilancio, con la conseguenza che queste dovrebbero presto rivolgersi al mercato, spingendo in alto i tassi obbligazionari; un quadro che allarmerebbe Moody’s.

    La minaccia sul rating portoghese avviene dopo quella sulla Spagna, seriamente attenzionata da tutte le agenzie di rating internazionali, anche perchè molto esposta verso i vicini iberici.

    Una situazione da allarme rosso per Eurolandia; l’ennesima.

    Ricerca personalizzata