Napoli, muore a 73 anni davanti alla tomba della figlia

cimitero

In occasione della Pasqua era andato a far visita alla figlia, sepolta nel cimitero cittadino. Ed è proprio quando si trovava a pochi passi dalla lapide della sua bambina che si è accasciato a terra, perdendo la vita pochi secondi dopo. E’ morto così un uomo di 73 anni, a pochi metri dalla tomba della figlia e proprio nel giorno di Pasqua.

E’ qui che D.F., noto commerciante del centro, è venuto a mancare in un momento a dir poco eloquente. L’uomo si era recato insieme alla moglie presso il cimitero cittadino, dove è tuttora sepolta la loro figlia (che venne a mancare un anno fa a causa di una brutta malattia).

I due, in questi mesi di indicibile dolore, non hanno mai fatto mancare la loro presenza alla figlia defunta: in ogni festa le sono sempre andati a far visita, e anche nei giorni feriali hanno costantemente tenuto viva la memoria della loro ragazza andandola a trovare al cimitero. Perché il modo e i tempi con cui la figlia era venuta a mancare era per loro motivo di dolore, certo, ma anche di rabbia e di irrequietezza.

A quel punto però, proprio mentre si trovavano a pochi passi dalla tomba, il padre ha sentito qualcosa che non andava. L’uomo ha chiesto alla moglie di potersi sedere un attimo su una panchina per riprendere fiato, ma da quella panchina non si è più rialzato: nonostante l’intervento dei soccorritori, il 73enne è morto a causa di un malore improvviso.

Ricerca personalizzata