Natale 2010: viaggi-vacanze brevi e low cost

    Quello del Ponte dell’Immacolata ogni anno è il classico test per capire quale sarà la tendenza natalizia per quel che riguarda i viaggi, i consumi e le vacanze. Ebbene, in accordo con quanto rilevato dall’Associazione Adoc, le prospettive non sono delle migliori visto che per il Ponte dell’Immacolata solo un italiano su cinque si metterà in viaggio; e per il Natale 2010?

    Ebbene, secondo le stime dell’Associazione quasi un italiano su due, il 49% per l’esattezza, rimarrà a casa per il Natale 2010, e quelli che partiranno in media andranno a spendere meno di 700 euro. Quindi, dal fronte dei viaggi natalizi, le festività di quest’anno saranno o all’insegna dell’addio alle vacanze, oppure per vacanze comunque in molti casi brevi e rigorosamente low cost.

    Carlo Pileri, il Presidente dell’Associazione, ha infatti posto l’accento sul fatto che solo il 3% dei partenti spenderà più di 1.000 euro mentre per tutti gli altri si punta su soluzioni low cost, last minute, ma anche viaggi-vacanze brevissime, della durata di un week-end. D’altronde in questi mesi abbiamo più volte sentito ed ascoltato che il peggio era passato per i consumi, per gli investimenti e per la crescita del nostro Paese. Ma a ben vedere, e gli ultimi giorni di tempesta finanziaria sui mercati lo dimostrano, non sembra proprio così.

    Ricerca personalizzata